Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    Versante Ripido è morto? (27/09/2018)    Arriva Solaris, e ci (ri) porta i capolavori della fantascienza russa (08/05/2018)    [22/05/2019] 15 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Una capitale a quattro zampe scadenza 2019-05-24    Settembre scadenza 2019-05-29    Poesia, Prosa e Arti figurative - Il Convivio 2019 scadenza 2019-05-30    Città del Giglio scadenza 2019-05-30    SCIENZA FANTASTICA scadenza 2019-05-31    Racconti nella Rete scadenza 2019-05-31    Lago Gerundo scadenza 2019-05-31     La Couleur d'un Poème scadenza 2019-05-31    Campaniliana 2019 scadenza 2019-05-31    Vito Ceccani 8° Edizione 2019 scadenza 2019-05-31    Metropoli di Torino scadenza 2019-05-31    Alessio Di Giovanni scadenza 2019-05-31    Poesie d'Amore scadenza 2019-05-31    DONNE . . . ieri, oggi, domani “Datemi il mio nome e non chiamatemi solo Donna” scadenza 2019-06-01    XXII Premio Nazionale MIMESIS di poesia edita e inedita scadenza 2019-06-05    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi     Delusione di Christian Bigiarini letto da Alberto Sannazzaro    RECENSIONI     Consigli dalla punk caverna: A noi punk non ci resta che Al Bano di Fabio Izzo     Tenebra Lux di Alessandro Del Gaudio     Epiphaino di Guglielmo Campione     Fermento di Falesia di Stefano Giannotti     Guida ai cantautori italiani - Gli anni Settanta di Mario Bonanno    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.     Joseph Conrad ovvero il mare professionale     Apollo e Dafne: Quando il marmo diventa carne     L´horror psicologico di Michele Pastrello    Racconti     La Strega di Marco R. Capelli     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi     Semplicemente luce di Elisabetta Santirocchi     Testamento di Antonio Sacco    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Seguici su YOUTUBE
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
41 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Retromania di Simon Reynolds
a cura di Luca Toni
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 15213
Media 80.17 %

Articoli

Questo nuovo libro di Simon Reynolds, probabilmente il miglior critico musicale in circolazione, è un libro che parlando di musica ci mostra semplicemente un punto di vista attraverso il quale guardare alla crisi della nostra cultura, dei valori, della società.
Dove sono finiti i giovani? Cosa ne è del loro irrompere sulla scena sociale esplosa a partire dagli anni cinquanta? Sembra che non ne sia rimasto granché. Forse è anche una questione demografica. La demografia è una scienza sottovalutata. Semplicemente nelle nostre società vecchie i giovani non sono più maggioranza ma una trascurabile minoranza. E l’esplosione del rock era stato il potente simbolo del venire alla ribalta dei giovani occidentali. Il rock come arte innovativa, rivoluzionaria, provocatrice, scandalo e avanguardia, addirittura, ritengo, la vera arte definitiva del secondo novecento come il romanzo e le arti figurative lo erano state del primo. Un’arte che si attanagliava perfettamente alla forma del giovane con la sua ricerca del nuovo e del rivoluzionario, dell’epater le bourgeous!
Ebbene è innegabile che oggi, oggi si, il rock, il mainstream, ma anche la musica underground non scioccano e non ricercano più,anzi si limitano a prendere ispirazione dal passato, a indugiare in una rapporto incestuoso con i genitori, e forse i nonni, in un trionfo di quella che appunto Reynolds definisce retromania.
Come siamo giunti a questo? Cosa ci dice  su di noi e sulla nostra società?
Prima di tutto la tecnologia ha avuto ed ha un ruolo importantissimo. Youtube è il luogo virtuale ma reale in cui tutta la nostra esistenza sembra (ri)vivere. You-tube come metafora, ma anche l’ipod, l’accesso infinito, esaltante ma anche debilitante ad un archivio inesauribile che è come una droga, un passato che non passa mai. Inevitabilmente dunque la musica e la cultura attuale hanno preso un aspetto di patchwork, un mosaico di stili e suoni del passato. L’analisi di come le tecnologie stanno modificando la nostra vita quotidiana  è uno dei capitolo più interessanti del saggio. Passiamo letteralmente le nostre vite a rivedere cose successe decine di anni fa ma il discorso vale anche per eventi di pochi giorni prima  che sono rivedibili eternamente. Fino a poco tempo fa un evento era unico o quasi, chi se lo era perso non lo poteva più rivivere.
Inoltre la tecnologia è sempre più il fine in se piuttosto che un mezzo. Oggi non abbiamo più un rapporto ossessivo e totalizzante con un divo (nei primi del novecento e oltre anche il cinema aveva offerto questa relazione salvatrice tra spettatore e divo) bensì con la tecnologia. Non si fa la fila per vedere l’ultimo film del grande attore o acquistare l’ultimo album del proprio cantante preferito. Si fa la fila appunto per l’ipod o l’ipad e lo schermo lcd, tutti mezzi che sono più importanti di ciò che riprodurranno (il romanzo, l’album, la televisione, il  cinema. Tutte arti in crisi!)
Potrebbero però non essere queste le uniche ragioni a spiegare l’attuale stallo. In fondo tutto l’Occidente sembra preso da un senso di estenuazione, di tramonto e non è un caso se Reynolds cita la distinzione tra civiltà e civilizzazione proposta da Spengler nel tramonto dell’occidente: si parla di civiltà per descrivere una cultura nella fase propulsiva, giovanile, creatrice e di civilizzazione per la sua fase ripropositrice, senile, conservatrice.
Dobbiamo rassegnarci allora? Stiamo diventando tutti giapponesi (cfr il capitolo turning japanese?)
La domanda è legittima: esiste ancora qualcuno o qualcosa nel panorama della musica attuale che sfugga alle leggi della riproposizione del passato? Non completamente no, ma ci sono alcuni movimenti che perlomeno cercano di partire dal passato per riproporre qualcosa di nuovo, di elevare la nostalgia a nuova musa ispiratrice. È il fenomeno di ultranicchia ma molto interessante di musica che Reynolds e altri chiamano hauntology (termine coniato da Derrida per unire le parole haunt, aleggiare, infestare, e ontology, ontologia), una musica fatta principalmente in Gran Bretagna che parte dai suoni prodotti dalla BBC per la televisione nel corso degli anni cinquanta sessanta /settanta come colonne sonore o jingle di cartoni animatie sigle dal gruppo interno alla BBC denominato radiophonic workshops, laboratorio radiofonico.
Questi suoni che hanno aleggiato nell’infanzia dei compositori, oggi essi stessi li ripropongono in una nuova veste, come colonna sonora dei tempi odierni, una sorta di manifesto minimalista dell’esser creativi oggi. E’ musica sognante, evanescente, quasi svuotata di forza. Sentire per credere Belbury Poly, Moon Wiring Club, Advisor Circle Mordant Music.










Vorrei concludere con una nota non pienamente negativa. Proprio basandosi sulla definizione di Spengler possiamo dare per certo che le società le epoche, proprio come gli organismi, hanno una storia, un picco, una fase di stallo e una fine. In fondo possiamo quindi guardare con più tenerezza ai giovani che fanno musica oggi. Non possiamo chiedergli di rivoluzionare la musica eternamente, per le molteplici ragioni sovra accennate : perché sono minoranza, perché le tecnologie oggi sono tutto, perché il mezzo trionfa sul fine e ci immerge dolcemente nel passato come un feto nel liquido amniotico, perché le ere finiscono etc etc . Non possiamo pretendere cosi tanto, la musica pop è diventata come la letteratura, come la musica classica, come il jazz. Musica che ha terminato la sua Storia. Continuano molte storie, molte canzoni belle vengono ancora scritte oggi, solo non chiediamogli di essere il Nuovo! Per quello magari ci penserà un'altra Civiltà!

 

NOTE:
L'intero documentario della BBC "The Alchemist of sound" può essere visto su youtube.
Link alla prima parte: http://www.youtube.com/watch?v=cKPGzX5kZd0

Retromania. Musica, cultura pop e la nostra ossessione per il passato
di Reynolds Simon - ISBN Edizioni
ISBN 9788876381706 - Traduttore M.Piumini Anno 2011 471p.
Per acquistarlo su IBS.IT

© Luca Toni




Recensioni ed articoli relativi a Luca Toni

Nessun record trovato

Testi di Luca Toni pubblicati su Progetto Babele

(1) Retromania di Simon Reynolds a cura di Luca Toni - ARTICOLO
(2) Me and you and everyone we know di Luca Toni - RECENSIONE
(3) Utopian Dreams - In search of a good life di Tobias Jones - RECENSIONE
(4) Norwegian Wood di Murakami Haruki - RECENSIONE
(5) Le città senza tempo di B. Akunin - RECENSIONE


>>ARCHIVIO ARTICOLI

>>Archivio vecchi articoli (fno al 21/05/2007)

 

 




-

dal 2011-09-24
VISITE: 23525


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.