Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Pagina ufficiale Facebook Pagina ufficiale Youtube Pagina ufficiale Instagram Pagina ufficiale Linkedin Gruppo Telegram Whatsapp Community
TeleScrivente:    Progetto Babele: Collaboratori cercasi! (21/05/2024)    Gordiano Lupi recensisce: Per difendersi dagli scorpioni di Fernando Sorrentino (29/09/2023)    31 amici per un progetto corale (17/09/2023)    [24/06/2024] 4 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Il Premio Città di Como scadenza 2024-06-30    Seven Live 2024 scadenza 2024-06-30    V EDIZIONE PREMIO LETTERARIO TERESA COGNETTA scadenza 2024-07-03    V ED. PREMIO TERESA COGNETTA scadenza 2024-07-03    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    Comfort Festival - Ferrara diventa americana (EVENTO 2024-07-07)     ATTRAVERSAMENTI MULTIPLI 2024 - danza_teatro_musica_site specific_nella natura urbana (SPETTACOLO_TEATRALE 2024-06-29)    AUDIOLIBRI     I decapitati di Francesco Ciriòlo letto da Alessandro Corsi     Il profumo dell'estate di Cinzia Baldini letto da Alessandro Corsi     Capitolo 6 - La perla di Labuan di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 5 - Fuga e Delirio di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 4 - Tigri e leopardi di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI     Billy Summer di Stephen King    Il nome di Abel di Andrea Meli     Praga poesia che scompare di Milan Kundera     Gli ultimi eroi di Guido Morselli     Poscienza di Roberto Maggiani    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Uno sguardo all’Open studio presso la Casa degli Artisti di Milano di Cecilia Del Gatto Di Riccardo Renzi     Vampiri: una storia senza fine     I memorialisti e gli storici del Romanticismo italiano     Carmilla     John Polidori & George Gordon Byron - Biografie allo specchio    Racconti     Mia moglie ti dirà che è tutta colpa della pandemia di Giuseppe Crispino     La luna blu di Alessandro Abate     I decapitati di Francesco Ciriòlo     Sara y la Facultad di Jorge edgardo López     L'intervista di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Shakespeare, William (1564-1616)     Le Fanu, Joseph Sheridan (1814-1873)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     In punta di piedi di Paola Ceccotti     Lux di Alessio Romanini     Respiro di Valeria Vecchi     Stanno le cose di Teodoro De Cesare     Madre di Davide Stocovaz    Cinema     Dracula di Bram Stoker (USA 1992) regia di Francis Ford Coppola     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana    Musica    I Inside The Old Year Dying (2023) - PJ Harvey    La moglie in bianco … la Compilation al pepe (2023) - Diego Pavesi     RökFlöte (2023) - Jethro Tull    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus

Le Vendicatrici
Le Vendicatrici
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
15 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
3eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
18novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Vampiri, aspiranti tali e altre amenità
di Angela Ravetta
Pubblicato su PB20


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 324
Media 79.6%



Vampiri, aspiranti tali e altre amenità

Il successo della saga dei vampiri è inequivocabile. Non passa anno che non appaia una pièce teatrale, un film oppure una serie televisiva ispirata a questo mito contemporaneo. È il personaggio che, in assoluto, ha avuto il maggior numero di imitatori ed epigoni dalla sua comparsa.

Eppure la pubblicazione di Dracula or the Un-Dead non portò particolare fortuna a Bram Stoker. Accolta con discreta attenzione dalla critica lasciò piuttosto indifferente il pubblico tanto che il suo autore, dopo essere stato colpito da un colpo apoplettico, dovette abbandonare la casa in cui aveva abitato e trasferirsi con la famiglia in un piccolo appartamento.

La sua patria stessa lo ripudia: Stoker colloca il vampiro in Transilvania cioè nel cuore della Romania attuale ma i suoi compatrioti considerano con sospetto il romanzo, scritto, a loro dire, da alcuni inglesi per screditarli. In realtà Stoker era irlandese anche se effettivamente il personaggio del vampiro moderno, così come noi lo conosciamo, si deve alla scommessa che Byron, annoiato dalle uggiose giornate di pioggia sul lago di Ginevra, aveva fatto con i suoi ospiti per scrivere un racconto dell’orrore.

Polidori, il suo medico personale, sviluppò l’idea nel Vampiro trasferendo il morto assetato di sangue dalle lontane selve natìe alla Londra vittoriana a lui contemporanea. Il personaggio è Byron stesso, elegante e sulfureo.

Stoker in Dracula or the Un-Dead riprende il racconto di Polidori, conservando l’ambientazione del romanzo, descrivendo con grande attenzione la società vittoriana fatta di fanciulle ben allevate, di signore di squisite maniere, di giovanotti intraprendenti, di scienziati piuttosto eccentrici che parlano un inglese improbabile. È il mondo in cui Conan Doyle fa agire Sherlock Holmes, le case di provincia degli enigmi di Ivy Compton-Burnett, il prequel dei cottages della piccola borghesia descritta da Agatha Christie.

Nei giorni in cui stava scrivendo il romanzo, Stoker leggeva una raccolta di novelle dell’Europa dell’Est. Conosceva quelle che circolavano e circolano in Romania, Bulgaria ed Ungheria sui vampiri. Identifica il vampiro del romanzo con il personaggio storico Vlad Tepes, eroe della Transilvania, uccisore dei Turchi, vissuto nel XV secolo, che non solo ne aveva fatto strage alla maniera ottomana, cioè impalandoli, ma se ne vantava nel suo epistolario.

La fama del personaggio storico si riverbera su quello letterario contribuendo a dare spessore all’invenzione. Niente di più sappiamo. Stoker non ci racconta quello che sente o quello che pensa il vampiro mentre abbiamo i diari dei suoi nemici, cioè degli inglesi e del professore olandese che vogliono eliminarlo.

La sovrapposizione non è originale, anzi è avvenuta molte volte in letteratura e anche nel giornalismo. Sto pensando al mito dell’eroe che, dopo un percorso iniziatico assurge all’empireo, diventa un dio, ascende al cielo, diventa imperatore. Ogni generazione ridà linfa allo stesso mito identificando un personaggio della cronaca nell’eroe eponimo. Ramesse II, Alessandro Magno, Giulio Cesare, Napoleone Bonaparte, Garibaldi devono la loro fama non certo alle dotte ricerche storiche ma soprattutto ai testi, ai romanzi, alla voce popolare che li ha identificati in quegli eroi di cui hanno rinverdito le gesta.

E che dire del mito della fanciulla ascesa in Olimpo per mano del dio che l’ha scorta alla fonte che riprende vita e significato, senza mutare sostanzialmente copione, in Sissi, cioè in Elisabetta D’Austria o in Diana Spencer?

Non ha molta importanza se la realtà storica non corrisponde al mito, in ogni caso nel personaggio rappresentato si privilegia la memoria accumulatesi nei secoli.

Come osserva Baricco nella post- fazione al romanzo nell’edizione degli Oscar Mondatori del 2007,la rappresentazione della società inglese in cui agisce il vampiro è stereotipata e sostanzialmente falsa. Le fanciulle sono tutte ben educate e pudiche mentre gli uomini sono coraggiosi e retti. Baricco sospetta che Stoker sia in mala fede e che usi subdolamente della rappresentazione delle attività del vampiro per nascondere, sotto velami neanche tanto fitti, scambi sessuali proibiti in epoca vittoriana. Insomma Stoker non poteva non sapere quello che stava rappresentando.

La fortuna postuma del romanzo sarebbe dovuta alla sua carica sessuale che i lettori smaliziati del novecento avrebbero colto. Stoker avrebbe rappresentato il desiderio ineducato che la società non riesce né a costringere né a controllare. Se ciò fosse vero ci spiegherebbe anche l’ostilità dei romeni stessi che non desiderano essere identificati nei compatrioti del vampiro. I più avvertiti, coloro che sono andati all’estero per migliorare la loro condizione, considerano le leggende sui vampiri un tentativo di screditarli, di considerarli primitivi e refrattari ad ogni forma di educazione.

In Dracula or the Un-Dead io vedo essenzialmente quello che Stoker rappresenta, in altre parole la storia di coloro che non vogliono morire, che sono disposti a succhiare il sangue dei vivi per non scomparire nella tomba. I vampiri si portano appresso una cassa da morto in cui giacciono il giorno quasi a significare che colui che accetta di vivere a spese degli altri in realtà non può vivere davvero. Il vampiro non solo vuole vivere per sempre ma vuole restare eternamente giovane. Il sangue delle sue vittime gli consente un’eterna giovinezza. Giovinezza, salute, ricchezza sono le grandi aspirazioni dei nostri tempi. Non accettiamo né la morte né la vecchiaia e siamo disposti a tutto pur di difendere ciò che abbiamo o crediamo di avere. Il successo del mito di Dracula è la sua attualità.

A cura di Angela Ravetta



Recensioni ed articoli relativi a Angela Ravetta

(0) La signora Maria di Angela Ravetta - Il Parere di PB

Testi di Angela Ravetta pubblicati su Progetto Babele

(1) Vampiri, aspiranti tali e altre amenità a cura di Angela Ravetta - ARTICOLO
(2) Noterelle a margine della pubblicazione di “Gomorra” di Roberto Saviano a cura di Angela Ravetta - ARTICOLO
(3) Bukowski, Charles(1920-1994) a cura di Angela Ravetta - BIOGRAFIA
(4) Discussione fra una profia e due giovani appassionati bukoskiani. a cura di Angela Ravetta - ARTICOLO
(5) A Sua Maestà Carlo Felice di Savoia di Angela Ravetta - ARTICOLO
(6) Topogon di Angela Ravetta - RACCONTO


>>ARCHIVIO ARTICOLI

> >>Inserimenti precedenti al 2007
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB







-

dal 2019-07-21
VISITE: 556


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2016 - Privacy & Trattamento dati personali