Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Pagina ufficiale Facebook Pagina ufficiale Youtube Pagina ufficiale Instagram Pagina ufficiale Linkedin Gruppo Telegram Whatsapp Community
TeleScrivente:    Gordiano Lupi recensisce: Per difendersi dagli scorpioni di Fernando Sorrentino (29/09/2023)    31 amici per un progetto corale (17/09/2023)    Il foglio letterario. PROGRAMMA 23 Maggio – 11 Giugno (23/05/2023)    [15/04/2024] 2 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Il Miglior Racconto Fantastico scadenza 2024-04-15    Concorso Letterario Thriller Café scadenza 2024-04-28    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    Orizzonti d'Arte - Bi-Personale delle Artiste Giuliana Griselli e Maria Pia Mucci (EVENTO 2024-04-27)    Padova, al via l’Aperyshow: attese centomila presenze per il charity event - L’evento di solidarietà più famoso d’Italia torna dal 24 al 28 aprile con un’edizione spettacolare ad Arsego, nel Padovano: oltre 300 artisti nazional (EVENTO 2024-04-28)    AUDIOLIBRI     I decapitati di Francesco Ciriòlo letto da Alessandro Corsi     Il profumo dell'estate di Cinzia Baldini letto da Alessandro Corsi     Capitolo 6 - La perla di Labuan di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 5 - Fuga e Delirio di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 4 - Tigri e leopardi di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI     Billy Summer di Stephen King    Il nome di Abel di Andrea Meli     Rasella: storia di una bomba di Chiara Castagna    La famiglia Manzoni di Natalia Ginzburg     Prossimità e lontananza di Elio Scarciglia    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Il paese invisibile e il passo per inventarlo di Roberto Marcòni: un percorso attraverso lo spirito del paesaggio     Ardengo Soffici e il Fascismo     Ezra Pound: una breve nota     La poesia patriottica nel Romanticismo italiano     L’immanenza dell’incarnazione nella poesia di Mario Luzi    Racconti     Mia moglie ti dirà che è tutta colpa della pandemia di Giuseppe Crispino     La luna blu di Alessandro Abate     I decapitati di Francesco Ciriòlo     Sara y la Facultad di Jorge edgardo López     L'intervista di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Shakespeare, William (1564-1616)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     In punta di piedi di Paola Ceccotti     Lux di Alessio Romanini     Respiro di Valeria Vecchi     Stanno le cose di Teodoro De Cesare     Madre di Davide Stocovaz    Cinema     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller    Musica    I Inside The Old Year Dying (2023) - PJ Harvey    La moglie in bianco … la Compilation al pepe (2023) - Diego Pavesi     RökFlöte (2023) - Jethro Tull    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
View Redazione Babele's profile on LinkedIn
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
14 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
7 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
26 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

La ragazza silenziosa di Erich Kästner
traduzione di Tania Ianni
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 14541
Media 80.01%



Era molto giovane, molto inesperta e molto avida di sapere. Lui era altrettanto avido di sapere, non inesperto però e di quasi venti anni più grande. Nonostante ciò avrebbe potuto imparare da lei qualcosa; perché lei era, seppure una ragazza , una donna, ed egli, seppure un uomo, un bambino. Ma loro non giunsero a queste evidenti riflessioni. Oppure evitavano, di pensarci.
Nei giorni, in cui lei lo andava a trovare segretamente, affinché lui disegnasse continuamente il suo bel viso, per rintracciare l’incanto dei suoi tratti, diceva occasionalmente: “Potete tranquillamente parlare mentre lavoro. Non voglio certo fotografarvi. Parlate tranquillamente, bambina”
“Non sono una bambina”, rispondeva allora lei con calma “ e così lui iniziò a parlare al posto di lei, mentre il suo sguardo curioso vagava di qua e di là tra il viso ed il blocco. Lei taceva, lo guardava immobile e diceva solo qualche volta “Aah “ oppure “Sì si “ o “Così così”.

“Leggete talvolta romanzi d’amore?” chiese lui un giorno. E poiché lei, come al solito,taceva ,lui continuò: “Lasciateli stare.” Non si può impararne nulla, bimba mia”.
“Non sono una bambina”, disse lei con calma.
“Da nessuna parte”, disse lui “si finge in modo così informe, da nessuna parte la realtà e la verità vengono nascoste così freddamente come nei romanzi d’amore. Se uno scrittore vuole descrivere, come si uccide o si taglia in piccoli pezzi qualcun altro, o come si impicca, o si ‘incendia una città, o si maltratta un animale, alla sua esattezza non sono posti limiti. Nessuno avrebbe l’idea, di prendersela con lui per la sua accuratezza. Nessuna autorità tenterebbe, di vietargliela. Alcuni romanzi sono veri manuali per banditi e omicidi esordienti. Se però un poeta osa descrivere le cose dell’amore, che però di certo significa la più grande, se non l’unica felicità per noi uomini, ciò è tanto buono quanto inutile. Farebbe meglio, ad uccidersi, prima che lo facciano altri. Può svelare ciò che è più orribile. Il bello, di indicare anche soltanto con le parole , gli è vietato. Tentarlo perciò sarebbe peccato mortale. I fondamenti dello Stato, della Chiesa e della società vacillerebbero altrimenti. E gli edifici, che vi sono stati eretti sopra, dovrebbero crollare come castelli di carta. I guardiani delle convenzioni tremano giorno e notte dinanzi alla forza elementare della felicità e dell’amore.”
Lo guardò fissamente e mormorò:”Aah”.

“In fondo”, disse lui un’altra volta” è totalmente impossibile per due persone , che si amano o credono di amarsi, avvicinarsi davvero l’un l’altro. Probabilmente Lei dubiterà di
questa affermazione, bambina mia”.
“Non sono una bambina”, replicò lei dolcemente.
“Un poeta francese dei nostri giorni”, continuò lui “ ha tentato di illustrare in una giustamente più oscura allegoria l’impossibilità di incontrare del tutto l’un l’altro. Ognuno dei due amanti, lui pensa, sia come cucito dentro un grosso sacco di tela, così egli non possa vedere nulla e muoversi appena. In questa dolorosa disposizione d’animo starebbero ora l’un contro l’altro, avvertirebbero la vicinanza dell’altro che rende felice, sentirebbero lo slancio dell’inclinazione confinante col doloroso, vedrebbero l’oscurità, lino che tocchi goffamente al lino, maldestro e insufficiente, e nessuno dei due saprebbe proprio, chi allora e come in verità sia l’altro. Il paragone non suona molto poetico, ma temo, che sia giusto. Vale a dire , che già Adamo ed Eva avrebbero raccolto e mangiato la mela dell’Albero della Conoscenza. Considero ciò una notizia falsa. Ci si è solo dimenticati, di smentirla. Pende ancora in alto sull’albero, la mela misteriosa, ed è eternamente irraggiungibile per gli uomini.”.
Lei lo osservava fisso e disse leggermente “Così,così”.
“Ci si abbandona solo troppo facilmente- ciò che si sa da molto, dimenticando -la opinione” disse lui un bel pomeriggio “ che in questo paese il disprezzo ufficiale sia antico come il mondo. Però come ci si comporta allora davvero? L’amore è stato sempre e sarà ovunque forse nascosto, come fosse un peccato e una vergogna? Come se appartenesse al carcere e si facesse giustamente, a tacerne, come di un parente, che obbliga a rubare i cucchiai d’argento? Non fu sempre così, ciò lo sa ogni bambino”.
“Non sono una bambina”, rispose lei calma.
“Non è stato sempre così”, ripeté lui “ Pensi agli antichi Greci, che rendevano omaggio alla bellezza fisica adorandola nei templi. E’ stato e non è dappertutto così. Pensi soltanto
ai libri indiani dell’amore. E non si dimentichi la naturale schietta capacità del Giapponese,
che ha delle cose ed dei processi, che si mettono a tacere nell’Occidente odierno in modo addirittura infantile, o vengono ridacchiati disgustosamente. Ma come, chiedo, si può parlare allora francamente della parte spirituale, divina dell’amore, se si disprezza,
l’amore terreno, lo si mette al bando e ce se ne vergogna? Così non solo una parte di esso, ma anche l’intero diventa una bugia.”
Lei lo guardò fisso e disse: “Sì, sì”.

Così e similmente parlò lui, mentre continuava a disegnarla . E così e similmente lei taceva. Fino a quando giunse quel pomeriggio, in cui lui, tenendo la testa obliquamente, esaminò l’ultimo disegno e disse: “ Meglio non posso, bambina mia.”
Lei rimase in silenzio.
“Sarebbe sconsiderato”, continuò lui “ chiederLe in seguito le Sue visite. Il disegno, commisurato al mio talento, non è male.Volete vedere il foglio, bambina mia?”.
Rimase in piedi in silenzio e entrò dietro di lui.
Lui si schiarì la voce. Poi chiese: “Posso regalarglielo -bambina mia?”.
“No”, disse lei “lo appendiamo lì sopra il sofà”.
Lui si voltò verso di lei meravigliato. Lei sorrise un po’, osservò riflessiva da una finestra all’altra e pensò: “Dovevamo procurarci nuove tende. Se- ti va bene.”
Lui la osservò fisso e mormorò, prendendo la sua mano: “ Oh, io bambino”.

© Erich Kästner
Traduzione a cura di Tania Ianni







Recensioni ed articoli relativi a Erich Kästner

(0) La ragazza silenziosa di Erich Kästner trad.di Tania Ianni - TRADUZIONE

Recensioni ed articoli relativi a Tania Ianni

Nessun record trovato

Testi di Tania Ianni pubblicati su Progetto Babele

(1) La famiglia Manzoni di Natalia Ginzburg - RECENSIONE
(2) Le piccole virtù di Natalia Ginzburg - RECENSIONE
(3) La camera azzurra di Georges Simenon - RECENSIONE
(4) Deledda,Grazia(1871-1936) a cura di Tania Ianni - BIOGRAFIA
(5) Il cavaliere doppio di Théophile Gautier trad.di Tania Ianni - TRADUZIONE
(6) Il piano di Dorothy Canfield trad.di Tania Ianni - TRADUZIONE
(7) Un ventaglio di autunno di Sui Sin Far (1865-1914) trad.di Tania Ianni - TRADUZIONE
(8) L'amore non basta mai di Jennifer Vandever - RECENSIONE
(9) un giorno perfetto di Melania G. Mazzucco - RECENSIONE
(10) E' una lunga storia di Günter Grass - RECENSIONE


>>ARCHIVIO TRADUZIONI

>>GLI AUDIOLIBRI DI PB





-

dal 2007-10-03
VISITE: 33.008


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2016 - Privacy & Trattamento dati personali