Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [22/10/2019] 5 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    “Linee di Paesaggio” scadenza 2019-10-28    Concorso per artisti emergenti scadenza 2019-10-30    Motori & Passioni scadenza 2019-10-31    Ve- Leggiamo scadenza 2019-10-31    Premio Orizzonti scadenza 2019-11-03    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Fonzo di Don pompeo Mongiello     Sembra avere un senso… di Carla Montuschi     Qualcosa è cambiato di Milos Fabbri     The Unknown Victim di John gerard Sapodilla     Identità riservata di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Facebook
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
32 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
8 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Morgana e le Nuvole
di Alessandro Assiri
Pubblicato su PB17


RACCOLTA DI POESIE
Caletti Editore 2004
Prezzo € 12 - 62 pp.
Collana Gli emersi
ISBN n/a
Una recensione di Maria Carmela Marinelli
UN SOLO VOTO AMMESSO
Riprova tra 24 ore
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 48
Media 78.33 %


Morgana e le Nuvole

“Morgana è ancora un sogno – esordisce l’autore nella prefazione – e per ora dorme ancora nelle nuvole”. Morgana e le nuvole. Entrambe precarie nella forma, veloci nella mutazione dell’immagine. Entrambe hanno labili i contorni e viaggiano leggere, in perenne cambiamento.
Le poesie di Alessandro Assiri segnano un “percorso insonne” in 58 tappe che inizia con “Aspettando Morfeo” e si conclude con “Mi sveglio ancora”, “un viaggio della parola” – scrive il poeta nell’epilogo della raccolta -, un insieme di contaminazioni, un dialogo serrato tra i molti inquilini ai quali ho subaffittato la mia vita”.
È un percorso in punta di piedi attraverso un paesaggio a tinte scure, fatto di “autunni nebbiosi” e “muti inverni”. Il presente è un tranquillo suicidio barattato con “sogni rancorosi” e “amorose amarezze” e i sogni si fanno salati come le lacrime versate sulle “piaghe della vita”. “Bastasse berle per dimenticarle” – scrive il poeta, mentre rimane fermo a guardare passare davanti a sé la vita, rivestendo di noia “gli anni migliori”. Nei versi si crea una chiara contrapposizione tra il desiderio di cambiare e la triste consapevolezza che il tempo sta per scadere. La senilità, infatti, è vissuta come un evento incombente, il luogo del non ritorno, mentre la vita assomiglia sempre più ad “una foglia zavorrata del giallo”, e la morte una notte d’autunno in cui la foglia diventa “rondine di un unico volo/ e di un morir per terra”. Diviso tra due forze opposte, il poeta rimane immobile in attesa che la volontà si ripresenti e che nuovi progetti tornino a infiammare la mente, concedendogli di assaporare ancora una volta l’illusione di sentirsi vivo. Sullo sfondo di questo paesaggio cupo, unica tinta forte rimane forse il rosso della passione, delle labbra voraci e desiderose di inghiottire e di essere inghiottito. “L’amore è l’unica vibrazione che tocca l’eternità”, l’amore è “un desiderio infinito senza possedere, ma solo appartenendo”. Pochi versi intrisi di sospiri, di odore di corpo, di “desideri rapaci”, di amori fugaci, impetuosi, “fiori” continuamente recisi “per altri sollazzi”. L’unica volontà è quella mossa dal desiderio, ma come il poeta stesso canta, la “volontà che vali/ per i miei sogni immensi” è anch’essa un miraggio perché “fondata sulla sabbia instabile dei sensi”.
Assopito, adagiato, adeguato, annoiato. L’anima del poeta è una zattera in un pantano, incapace di spiegare le sue vele e di correre verso i sogni e si carica, invece, di alibi e di giustificazioni verso il suo non agire. Piuttosto che spiccare il volo e rischiare di non saper volare, “incapace di scelte, rimango seduto”. È indicativa l’immagine del poeta seduto sulla sabbia, fermo, mentre da lontano vede le vele bianche spiegate al vento che scivolano leggere. Nella sua immobilità è racchiuso tutto il suo dolore.
All’immobilità interiore del poeta si contrappone una lingua viva e mutevole. Ogni poesia scandisce in modo diverso il discorso, con i suoni, il tempo e le pause del movimento interiore. Si creano così schemi aperti e mutevoli che disarticolano il messaggio poetico, lo frammentano, lo dividono, lo separano, come le nuvole nel cielo. Lo stile è prevalentemente nominale, l’espressione a volte molto sintetica, a tratti simile a brevi pennellate nervose che conferiscono al movimento poetico un ritmo franto, quasi ansimante. La sintassi si carica di frasi ipotetiche, congiuntivi passati carichi di rimpianti e condizionali colorati da tenui speranze e da sogni salati. Ogni singola poesia, quindi appare non rispondere a nessuno schema metrico, ma si rivela parte di un cammino di ricerca che, di volta in volta, si adegua alle esigenze espressive del poeta. Il poeta mescola versi e prosa lirica, crea assonanze, rime baciate e allitterazioni, quasi a voler cercare il suono che meglio possa dare voce ai suoi tormenti interiori. La parola è uno strumento lirico che si accorda di volta in volta, di poesia in poesia, dando vita al triste canto dei “sogni mancati” e “fondati sulla sabbia instabile”, dei “pallidi miraggi” e delle “creazioni incompiute”.
Il poeta trasferisce nella parola il segno di un disagio che appartiene ad una generazione che troppi treni ha perduto e in alcuni tratti i versi si avvicinano molto ad un mea culpa carico di pathos: i ricordi e i rimorsi non gli permettono di conciliare il sonno, i suoi alibi appaiono sempre più con chiarezza come una fragile cattedrale eretta sulle fondamenta della sua inerzia. Da questa considerazione scaturisce il rifiuto verso quello che è stato: “vorrei assomigliare meno a quello che è stato”.
La speranza di rinascita fa timidamente capolino dietro le quinte di alcuni versi, ma la sua luce è fioca e non risulta abbastanza forte da smuovere l’animo e infiammare lo spirito: “da muti inverni emergeranno altre ali che potremo ospitare tra un sole radioso”. Sono timidi colori di speranza che tuttavia non riescono a diluire il grigiore di un presente vissuto con le spalle rivolte al futuro e la mente nostalgica e piena di risentimento verso il passato, verso quello che sarebbe potuto essere. “Se fossi, se fossi, tutto quello che non sono stato/ se potessi, se potessi sarei diverso da ciò che sono stato”.

Recensione di Maria Carmela Marinelli






Recensioni ed articoli relativi a Alessandro Assiri

(1) Morgana e le Nuvole di Alessandro Assiri- Il Parere di PB
(2) Sui passi per non rimanere di Alessandro Assiri e Chiara De Luca- Il Parere di PB

Testi di Alessandro Assiri pubblicati su Progetto Babele

(1) Molto forte, incredibilmente vicino di Jonathan Safran Foer - RECENSIONE

Altre recensioni di Maria Carmela Marinelli

(1) Morgana e le Nuvole di Alessandro Assiri- Il Parere di PB
(2) Bello dentro, fuori meno di Carmine Caputo- Il Parere di PB
(3) Express Tramway di Vittorio Baccelli- Il Parere di PB
(4) Attrazioni e distrazioni di Cesarina Bo- Il Parere di PB
(5) Adiós Fidel. All’Avana senza un cazzo da fare di Alejandro Torreguitart Ruiz- Il Parere di PB
(6) L' industria della traduzione di Gianni Davico- Il Parere di PB


 

Altre recensioni:





-

dal 2004-11-10
VISITE: 7204


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.