Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    Versante Ripido è morto? (27/09/2018)    Arriva Solaris, e ci (ri) porta i capolavori della fantascienza russa (08/05/2018)    [26/04/2019] 18 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    SCENICCHIA UNA SEGA #2 PRATICAMENTE UN CONCORSO LETTERARIO scadenza 2019-04-26    La Farnia d'Oro In terra nostra scripta apparuerunt scadenza 2019-04-30    Il Prete Bambino scadenza 2019-04-30    Premio drammaturgico per testi a tematica gay scadenza 2019-04-30    La tecnologia è magia? scadenza 2019-04-30    L’Ebbrezza della vita scadenza 2019-04-30    Città di Latina scadenza 2019-04-30    Onigo Mura bastia scadenza 2019-04-30    Caro Fabrizio, ti racconto di un sogno scadenza 2019-04-30    Caro Fabrizio, ti racconto di un sogno scadenza 2019-04-30    Caro Fabrizio, ti racconto di un sogno scadenza 2019-04-30    Tra Secchia e Panaro scadenza 2019-04-30    Il Sogno del Poeta scadenza 2019-04-30    OCEANO DI CARTA scadenza 2019-04-30    Nuova Scrittura Ermetica 2019 scadenza 2019-04-30    AG NOIR scadenza 2019-04-30    “Luca Romano” scadenza 2019-05-10    Premio Gambrinus Giuseppe Mazzotti scadenza 2019-05-10    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi     Delusione di Christian Bigiarini letto da Alberto Sannazzaro    RECENSIONI     Consigli dalla punk caverna: A noi punk non ci resta che Al Bano di Fabio Izzo     Tenebra Lux di Alessandro Del Gaudio     Epiphaino di Guglielmo Campione     Fermento di Falesia di Stefano Giannotti     Guida ai cantautori italiani - Gli anni Settanta di Mario Bonanno    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.     Joseph Conrad ovvero il mare professionale     Apollo e Dafne: Quando il marmo diventa carne     L´horror psicologico di Michele Pastrello    Racconti     La Strega di Marco R. Capelli     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi     Semplicemente luce di Elisabetta Santirocchi     Testamento di Antonio Sacco    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Angolo di SImone
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
58 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Storia di un amore rubato
di Monica Dolci
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 11723
Media 79.92 %



La prima cosa che vidi di lei furono gli occhi, enormi, scuri, profondi come l’abisso, mi ci ritrovai dentro senza rendermi conto, provai una specie di vertigine e poi la caduta, fatale, inevitabile, verso la sua anima. Il suo sorriso scardinò, in un istante, la porta blindata con cui, da tempo, avevo isolato il mio cuore. Aprì una voragine: disperata malinconia e gioia infinita mi assalivano ogni volta che incrociavo il suo sguardo, ogni volta che mi sorrideva, ogni volta che il pensiero di lei sfiorava la mia mente, ogni volta che sentivo il suo profumo. Non era libera. Pezzi di carta e vischiosi legami ci dividevano e rendevano ancora più disperato il bisogno di noi. Vivemmo una storia ad intermittenza. Ci potevamo permettere solo brevi incontri ma abbastanza frequenti. In ogni momento libero, durante la giornata, ci rincorrevamo da un capo all’altro della città. Ogni luogo andava bene per stringerci fino a non respirare, per dirci dell’amore, per accarezzarci un poco e poi andare via. La metropolitana, l’autogrill dell’autostrada, un bar del centro, un cinema, un teatro, la stazione, il parcheggio dei bus, perfino il piazzale sullo svincolo della sopraelevata. Starle vicino mi faceva impazzire, inebriato dal suo odore scivolavo con le mani sui suoi capelli per ritrovarmi fra le pieghe del suo vestito, sulla pelle delle sue cosce, fra le sue gambe. Aveva splendide gambe, lunghe e sensuali che le piaceva mostrare, portava sempre scarpe con tacchi altissimi che amavo toglierle per poter godere delle sue caviglie, dei suoi piedi. Le occhiate maliziose degli altri mi provocavano gelosia ed eccitazione, miste ad un segreto senso di rivalsa sul mondo per avere il privilegio di vivere, con lei, quegli esaltanti momenti, rubati alla vita squallida e banale di tutti i giorni. Venne qualche volta anche a casa mia, la sera. Abbassavo le luci in soggiorno, non le piaceva la camera da letto, stavamo lì, sul divano o sul tappeto, quasi al buio, a guardare la luna dalla finestra. Il suo viso raggiante illuminava l’oscurità. Facevamo l’amore quasi senza parlare, solo il nostro respiro, all’unisono, raccontava della nostra passione, della voglia di noi, dell’urgenza di appartenersi, di quel concentrato di felicità che avremmo voluto urlare al mondo. Ci sfinivamo. Dopo l’amore le piaceva tenermi fra le braccia riempiendomi di sorrisi e parole leggere fino a che mi addormentavo. Il mattino ritrovavo solo il suo profumo ad aleggiare nell’aria.
Una mattina come le altre presi la macchina per andare a lavorare, pregustando il momento in cui l’avrei, come al solito, incontrata.
Ad aspettarmi invece, al suo posto, c’era un uomo in doppio petto, le braccia conserte, che mi guardava fisso con un falso sorriso stampato sulle labbra. Il sangue mi si ghiacciò nelle vene, rimasi quasi paralizzato. Lessi sotto. “Vota la nuova lista arcobaleno per cambiare il tuo paese”. Il manifesto mi cadde dalle mani. Le elezioni!. Sapevo che prima o poi sarebbe finita. Ma non così, non adesso pensai. Sputai in faccia a quello sconosciuto, feci a pezzi il suo manifesto, diedi un calcio al secchio della colla che si riversò sul selciato mischiandosi alle mie lacrime. Poi però mi calmai, decisi che quel giorno non avrei lavorato. Andai in profumeria, comprai il suo profumo, il nome lo ricordavo bene, era scritto in grande sul manifesto. Sapevo che prima o poi se ne sarebbe andata, ma non così, non così in fretta. Avrei volevo dirle addio piano piano, sottovoce.

© Monica Dolci



Recensioni ed articoli relativi a Monica Dolci

Nessun record trovato

Testi di Monica Dolci pubblicati su Progetto Babele

(1) Storia di un amore rubato di Monica Dolci - RACCONTO
(2) Hammam di Monica Dolci - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2009-06-04
VISITE: 23045


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.