Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    palcHOMEscenico in onda su MArteChannel | 40 eventi ‘made at home' 10mila euro per i musicisti emergenti | dal 16 al 29 dicembre (11/12/2020)    Debutta in libreria FVE editori - Dal 3 dicembre, una nuova casa editrice in tempi di lockdown (09/12/2020)    Neil Gaiman: Storie Perdute (Prorogato al 31 Dicembre) (09/12/2020)    Online l'INTERA rivista del Foglio Letterario di settembre! (05/10/2020)    [11/04/2021] 4 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Jean De La Fontaine: Fiabe, Favole, Poesie, Racconti Brevi dedicati agli animali scadenza 2021-04-12    Memorial Giovanni Leone - I valori della famiglia scadenza 2021-04-15    Concorso Lucetto e Pietro Ramella scadenza 2021-04-15    Coprifuoco scadenza 2021-04-20    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Le tigri di Mompracem - Capitolo 1 di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Arrivederci Platone di Daniele Mancuso letto da Voce Robotica Youdao     L'isola del tesoro - Capitolo 1 di Robert Louis Stevenson letto da Marco R. Capelli     L'incendio nell'oliveto - Capitolo 05 di Grazia Deledda letto da C.Caria     L'incendio nell'oliveto - Capitolo 06 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
View Redazione Babele's profile on LinkedIn
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
23 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
37 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Nonostante me
di Giorgio Mosetti
Pubblicato su SITO


ROMANZO
La Caravella Editrice 2008
Prezzo € 12 - 204 pp.
(fuori collana)
ISBN 9788895402222
Una recensione di Salvo Ferlazzo
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 78
Media 77.05 %



Nonostante me

Marco ha vent’anni. Taciturno e insicuro, si innamora delle ragazze, le idealizza, ma poi non riesce a farci l’amore. Gianni di anni ne ha quarantatre. Cinico marpione e donnaiolo incallito. Lui di donne ne ha decine. Ma tutte per una notte sola. Il mattino dopo, infatti, comincia a scrutarle con una precisione chirurgica, notando e registrando ogni più piccola imperfezione fisica, fino al disgusto. No, neppure quella è una donna all’altezza. Due mondi contrapposti, due modi di affrontare la vita diametralmente opposti, ma un’unica identica paura. Quella dell’abbandono. La paura di mettersi in gioco perché ciò comporta un prezzo troppo alto. Il rischio di soffrire. (dalla quarta di copertina)

A volte capita, nell’esatto svolgersi dell’esistenza, che una voce, un grido, ci facciano girare la testa indietro per cercare chi ha chiamato
A volte capita che nessuno abbia chiamato.
Torniamo, così, a guardare avanti, dimenticando che qualcosa abbiamo lasciato alle nostre spalle.
Lo psicologo Carl G. Jung, così scriveva a proposito del lato oscuro della vita cosciente dell’uomo:”…ognuno di noi è seguito da un’ombra. Meno questa è incorporata nella vita conscia dell’individuo, tanto più è nera e densa”.
Quel qualcosa lasciato dietro le nostre spalle è proprio quell’ombra che non vogliamo conoscere, non vogliamo guardare in faccia. E che proiettiamo sugli altri, per evitarne l’incontro penoso e duro. Perché tale incontro è con noi stessi, con questo doppio.
Nel romanzo di Mosetti, ogni personaggio, ogni situazione ha la “sua” ombra.
Il mondo dei suoi personaggi è complicato. L’ombra si appropria della luce , e viceversa.
In questo gioco seduttivo, incalzante quale emerge dai racconti dei personaggi, paradossale, la vita stessa dei personaggi rincorre il proprio passato, senza dimenticare il proprio futuro.
Il presente a volte tace, a volte urla il proprio modo di esistere.
Gli attorti delle rappresentazioni si rendono conto di trovarsi su un palcoscenico, tanto che il loro modo d’essere va ben al di la del ruolo loro assegnato.
La terza dimensione che l’ombra procura ad ognuno di loro, ne fa degli esseri umani a tutto tondo, evitando ogni tentativo di disumanizzazione.
“Nonostante me”, sebbene io ci sia, esista, viva.
Mosetti tratta i suoi personaggi come pazienti diatesi sul lettino dell’analista.
L’analisi pervasa dalle intemperanze di Gianni, dall’incapacità  di Marco di soddisfare la sua partner, non è per nulla scontata. Anzi, offre seri spunti di riflessione, di approfondimento.
Quella riflessione, quell’approfondimento vengono portati in avanti, da quel siparietto che, in forma di lettera, inframezza alcune vicende.
Non è un caso che il nonno si faccia carico di rappresentare, fuori dell’ambito familiare, quanto in esso vi accade: egli è la memoria storica della famiglia, l’architrave sulla quale poggia l’intero corpo di relazioni genitoriali e filiali.
Compie un’operazione legata alla narrazione, con l’intento di elaborare un aiuto per il riconoscimento di quei momenti che rappresentano il buio; una zona d’ombra di fronte al fondamentale tela dell’esistenza, in tutte le sue fasi ed articolazioni.
Marco e Marta sono legati inscindibilmente tra di loro. C’è complicità, amore, ma anche rabbia frustrazione, distacco.
Parallelamente, calato nello stereotipo sociale che vuole l’uomo cacciatore e la donna la preda, Gianni fa bella mostra del suo carattere, delle sue doti amatoriali.
Mosetti corregge il tiro, allora: Gianni si differenzia da Marco, e questa differenziazione lo fa diventare portatore di un valore e di un significato che va sottratto al cono d’ombra che invece investe Marco.
Senza scomodare non più di tanto Freud, ci troviamo di fronte ad una “genialità” totale, cioè ad uno sviluppo completo di una organizzazione sessuale, erotica, consapevole, e totalmente imbrigliata; per nulla conciliata con l’eco frammentaria di Marco.
A questo punto l’ombra che i due proiettano dietro le proprie spalle comincia a perdere spessore, e da densa e scura che era, comincia ad ingrigire, a scoprirsi meno compatta.
Le ombra stanno per riunirsi dietro un unico “io”.
Un futuro è pronto a spalancarsi davanti.
Cronaca dell’oggi, studio antropologico, quasi un romanzo di formazione, un libro da viaggio.
E’ il tentativo di una riconciliazione con se stessi?
La velata delicatezza con la quale Mosetti tratta, fa vivere e parlare i suoi personaggi, sono la cifra della preziosità dell’esperienza umana che qui si tocca e che interessa ogni uomo che prenda sul serio la propria coscienza.
Mosetti apre nel cuore della condizione umana una lacerazione costitutiva si una richiesta di aiuto. Egli dipinge con i colori della familiarità un mondo, e con esso, i suoi partecipanti, sempre tesi alla rivolta, che altro non è se non lo scarto fra le parole e i fatti.

Recensione di Salvo Ferlazzo






Recensioni ed articoli relativi a Giorgio Mosetti

(1) Nonostante me di Giorgio Mosetti- Il Parere di PB

Testi di Giorgio Mosetti pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Salvo Ferlazzo

(1) Ho gettato Dio in pattumiera di Bruno Previtali - RECENSIONE
(2) La vigilia di Natale di Maurizio Bassani- Il Parere di PB
(3) Le vie dei ritorni di Luciana Caranci- Il Parere di PB
(4) Quando i media staccano la spina di Gilberto Mastromatteo- Il Parere di PB
(5) La marina del mio passato di Alejandro Torreguitart Ruiz- Il Parere di PB
(6) Non si sa mai di Donatella Placidi- Il Parere di PB
(7) Il ghiaccio nei tubi del verderame di Tito Ettore Preioni- Il Parere di PB
(8) L' ottavo giorno della settimana di Roberto Stranieri- Il Parere di PB
(9) Tre semplici sconosciuti di Andrea Franco- Il Parere di PB
(10) I sessanta nomi dell'amore di Tahar Lamri- Il Parere di PB
(11) Il confine invisibile di Alfio Cataldo Di Battista- Il Parere di PB
(12) Transit di Abdourahman A.Waberi- Il Parere di PB
(13) La collezionista ovvero la Sindrome di Babbo Natale di Chiara de Luca- Il Parere di PB
(14) Mai - Linkami l'immagine di Leonardo Marini - Carmine De Falco- Il Parere di PB
(15) Di mostrare le cose a parole di Giovanni Di Muoio- Il Parere di PB


 

Altre recensioni:





-

dal 2009-02-16
VISITE: 2020


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali