Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Pagina ufficiale Facebook Pagina ufficiale Youtube Pagina ufficiale Instagram Pagina ufficiale Linkedin Gruppo Telegram Whatsapp Community
TeleScrivente:    Gordiano Lupi recensisce: Per difendersi dagli scorpioni di Fernando Sorrentino (29/09/2023)    31 amici per un progetto corale (17/09/2023)    Il foglio letterario. PROGRAMMA 23 Maggio – 11 Giugno (23/05/2023)    [04/10/2023] 3 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Premio Lunezia sez. Autori di testo scadenza 2023-10-12    Streghe vampiri e Co. scadenza 2023-10-15    “I Versi non Scritti”® scadenza 2023-10-16    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    Presentazione libro: In terra ostile - con Boni Castellane e Pietrangelo Buttafuoco (PRESENTAZIONE 2023-10-07)    Nella grotta di Platone - Per festeggiare con amici e lettori in un luogo magico e milanese 40 anni di lavoro e di divulgazione (PRESENTAZIONE 2023-10-11)    ROMA HEROES - IL PRIMO FESTIVAL INTERNAZIONALE DI TEATRO ROM IN ITALIA (SPETTACOLO_TEATRALE 2023-10-08)    AUDIOLIBRI     I decapitati di Francesco Ciriòlo letto da Alessandro Corsi     Il profumo dell'estate di Cinzia Baldini letto da Alessandro Corsi     Capitolo 6 - La perla di Labuan di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 5 - Fuga e Delirio di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 4 - Tigri e leopardi di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI     Billy Summer di Stephen King    Il nome di Abel di Andrea Meli     Sul margine di Maria Allo     Prove per atto unico di Maria Benedetta Cerro     Itinerario della mente verso Thomas Bernhard di Martino Ciano    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     L’immanenza dell’incarnazione nella poesia di Mario Luzi     La storia alimentare di Porto San Giorgio, tra folklore, letteratura e testimonianze Di Edoardo Mistretta     Riflessioni sul Barocco letterario     Osvaldo Licini: la sua terra, la malinconia e la follia     Considerazioni su Giovanni Pascoli    Racconti     I decapitati di Francesco Ciriòlo     Sara y la Facultad di Jorge edgardo López     L'intervista di Cinzia Baldini     Il temporale di Cinzia Baldini     Il castagneto magico di Massimiliano Claps    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Shakespeare, William (1564-1616)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     In punta di piedi di Paola Ceccotti     Lux di Alessio Romanini     Respiro di Valeria Vecchi     Stanno le cose di Teodoro De Cesare     Madre di Davide Stocovaz    Cinema     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller    Musica     I Inside The Old Year Dying (2023) - PJ Harvey     La moglie in bianco … la Compilation al pepe (2023) - Diego Pavesi     RökFlöte (2023) - Jethro Tull    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Audiolibri
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
19 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
6 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
38 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Commento alle poesie di Andrea Cambi
di Pietro Pancamo
Pubblicato su PB19


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 16885
Media 79.74%



Per alcuni la letteratura è una professione; per altri, pure. Ma solo di fede. Sarà per questo che la vita mi toglie il fiato non tanto per la bellezza che irradia, quanto invece per la fatica? Eh sì, mannaggia! Non a caso il mio desiderio maggiore, guarda un po’, sarebbe quello di dormire attentamente (per filo e per segno, ossia compiutamente) dopo aver lasciato morire per sempre i miei scritti episodici. Che non procedono più, a ogni modo, e che mi lasciano freddo, in genere – cioè ormai –, proprio come il calore degli ottimisti.
Fra i quali annoverare Andrea Cambi non sembra opportuno davvero, dal momento che accostandoci alla sua vastissima produzione (qui rappresentata, per esiguità di spazio, da undici esempi contati) ci troviamo a tu per tu, immediatamente, con un autore dedito alla spi-ritualità delle parole: al ritorno ciclico-ascetico di temi e ironie struggenti che si ripetono con insistenza montaliana, fino ad illustrarci pienamente il male di essere al mondo e di dover affrontare ogni giorno, in stretta alternanza, l’ansia e la paura di vivere. Se non addirittura (come suggeriscono i problemi gravi di permanente e prominente disperazione, che affiorano dalle liriche di Andrea) quella sensazione di vuoto al cuore, alla quale è difficile sottrarsi, quando (magari dopo aver trascorso l’intera esistenza ad organizzare questue capillari che ci elemosinassero un rifugio qualunque, purché “ricalcato” sul nostro cuore) scopriamo a lutto che la poesia, in ambedue i “versi” (a leggerla o a scriverla), può – se va bene – costituire uno sfogo. Ma una consolazione... mai e poi mai. (Pietro Pancamo)

______________________________________________________

Poesie di Andrea Cambi


Terapie

La notte
che ha pareti
interminabili:

umidi cilindri
precipitano in altrove…

E io che ci cado dentro
come un relitto bellico,
un aeroplano in vite piatta:

eppure rido,
godendo di quell’alesaggio
senza stridori,

trasfiguro casualità
e finzioni e le vedo
come realtà:

fingo conoscenze radicate,

su sesso e vita…


Pathos

Questo allora è il dolore.

Un’acqua che s’asciuga in fretta
sul dorso di un muro soleggiato,

e nel guardare quel dolore
c’è rimpianto e una strana allegria:

la lontana gioia
d’esser stati vivi…


Gassman

... pomeriggio:

fa risorgere pro tempore
la mia mente:

sole postatomico bianco
in ritardo sulla vita reale,

crudele…

(“… posso tollerare
la compagnia che più
ho temuto,
che più ho odiato:

che ascoltavo a cuore fermo
su appunti di Geologia,
dentro a primomaggio
senza suoni… ”):

la solitudine.


Tesi

Ho perso.
(“Ho sbagliato tutto… ”).

Ma la mia sconfitta
non ha dolore:

esso si annega
in un tempo
che ho scordato.

Ha vinto la Vita,
la mia paura di lei.

Si sveglierà
in una debole angoscia,
immatura come la luce
al mattino:

da stordirsi
in un’arida prassi:

di lacrime senz’acqua…


Marco

“… insisto… ”:

fatto magro
da questo vento
come una terra
senza padrone,

da questa pioggia
che luoghi inaccessibili
partoriscono impalpabile:

dentro
ho un’ulcera continua,
un buco nello spirito:

invisibile ai più,
o inguardabile
come un peccato:

riscattarmi
in uno spaventoso futuro
di vanagloria,

per mitigare
l’unica vergogna
che mi riconosca:

aver troppo temuto di vivere.


Reality

… “che tragedie
sotto l’esile scorza
della bionda borghesia:

dietro la facciata
che risplende all’arido
sole appeso…

Gli occhi semichiusi
delle finestre al mattino,

non nascondono che il mio corpo
è un relitto senza speranze,
arenato fra le macerie di un letto:

ancora grigioblu notte,
e quasi alba che offende… ”.


Estate

… sto tutto
rappreso nella mia…

abbronzatura imprestata,

ottenuta con l’imprimatur
di mia madre che vigila…

“È che… ”.

Vengo da una remota
coscienza narcisistica:

tenevo all’apparire,
mi scrutavo e gioivo
per il biondo che aumentava
nei capelli, con l’estate…

Ora oscillo appeso
all’altalena dell’irrealtà:

“Senza corpo… ”,

fra un passato
tanto distante
da apparire dimenticato,

e un atroce presente
senza scelta…


Statica

Non chiedo
che una notte feriale,

tiepida e ricca
di profumati silenzi:

un’urna blu
nella quale perdermi…

Avere abbastanza corpo
da poter reggere gli attacchi
del cuore, le ondate nere
del respiro:

tutto il peso
dell’essere fragile…



Capelli da ragazzo

Al mio dolore
non so se acuto…

come la punta di una lancia…

… la fantasia accesa
non ha fatto seguito.

Guardo alle vecchie paure,
tutte appese come foto
che rammentino il passato:

come fossero un miraggio…

Il mio dolore quello vecchio
ha quasi il suono delle campane,
l’abito della festa:

racconta che tutto era possibile…



Ti scrivo da una mia guerra

“Scusa se non partecipo/
ma ho già il mio bel daffare/
a sopravvivere”:

è che oggi risento tutto il dolore,
il vecchio insieme al nuovo:

li rivedo qui.

Così la mia gioia
per non dover partire
è tutto l’orrore…

… del senso di protezione
che offre un giorno feriale,
un programma televisivo,

la promessa di una nevicata
che attutisca la vita.

Sai,
ieri sfogliavo i telegiornali,
e mi sono imbattuto
nel mio più grande eroe neurovegetativo:

il camionista incagliato nel traffico,

quello che racconta tranquillo
le disavventure dell’ultima notte,
e invoca l’aiuto della polizia,

ma con grande educazione.

E il fumo dalla sigaretta sale azzurro,
nello sfondo scuro dell’abitacolo…


Il reparto

Il massimo dell’involuzione
è questo?

Usare il dolore al piede
come timore più grande,
come distrazione al sottofondo
di sempre:

il cuore malato…

© Pietro Pancamo



Recensioni ed articoli relativi a Pietro Pancamo

(0) Sia fatta la tua comicità. Paradise strips di Pietro Pancamo - Il Parere di PB
(1) Manto di vita di Pietro Pancamo - RECENSIONE

Testi di Pietro Pancamo pubblicati su Progetto Babele

(1) In cerca di Alessandro Ramberti - Il Parere di PB
(2) Esodi di Roberto Dobran - Il Parere di PB
(3) D'amore e di morte di Enrico Pietrangeli - Il Parere di PB
(4) I germogli di Ground Zero di Michelangelo Cammarano - Il Parere di PB
(5) Volpe bellissima. Liriche per Alda Merini di a cura di Lorella De Bon - RECENSIONE
(6) Philologia Pauli. Il corpo e le ceneri di Pasolini di Massimo Sannelli - RECENSIONE
(7) Commento alle poesie di Andrea Cambi di Pietro Pancamo - POESIA
(8) Testa e croce di Silvia Zoico - RECENSIONE
(9) Sussurri e sospiri. Biografie impossibili di Maurizio Piccirillo - RECENSIONE
(10) Scritture e modelli letterari di Renata Ballerio e Marisa Napoli - RECENSIONE



>>ARCHIVIO POESIE
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB




-

dal 2008-09-09
VISITE: 42.400


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2016 - Privacy & Trattamento dati personali