Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    Progetto Babele 7 di nuovo disponibile in formato cartaceo (30/08/2021)    DISPONIBILE IL FOGLIO LETTERARIO NUMERO 20 (27/06/2021)    Il ritorno di Fernando Sorrentino (23/06/2021)    palcHOMEscenico in onda su MArteChannel | 40 eventi ‘made at home' 10mila euro per i musicisti emergenti | dal 16 al 29 dicembre (11/12/2020)    [26/09/2021] 3 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    "Appuntamento in nero" scadenza 2021-09-30    Domani non puo\' aspettare scadenza 2021-09-30    ZONAEBOOK scadenza 2021-09-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Il vecchio della montagna - Capitolo 01 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 03 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 02 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 04 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 05 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Non muoiono le api di Natalia Guerrieri     Pasolini - L’uomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan     Una vita da bipolare di Paola Gentili     Sleeping beauties di Stephen e Owen King    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Il vecchio della montagna     Poesia e videopoesia nel mondo contemporaneo.     Il preromanticismo e l’inizio del romanticismo in Germania     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo     I principali elementi del pensiero di Vittorio Alfieri    Racconti     Che cosa leggiamo domani? di Massimiliano Scorza     La mia intervista impossibile di Gianluigi Redaelli     La svolta di Barbara di Jacob Von bergstein     La roulette di Cinzia Baldini     Trapianto di Carlotta Reboni    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Il sacco di Bombasharna di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     Chiusura di Marco Pataracchia     Il suo nome? di Amedeo Bruni     Se io fossi ancora qui di Giulia Calfapietro     Angelo invisibile di Giulia Calfapietro     Il cuore in saldo di Giulia Calfapietro    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Arretrati
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
11 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
45 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Esterina
di Anna Maria Bonfiglio
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 11687
Media 79.2 %




Ci sono storie che non hanno “storia” e ci sono donne che hanno poco o nulla da raccontare ma che, pur con la loro sbiadita vita, restano in qualche modo incastrate nei grovigli della memoria. La signorina Esterina apparteneva a questa categoria. Con i suoi abiti un filino demodé, il suo francese maccheronico mutuato da lontane reminiscenze scolastiche, il cappello a falda larga che avrebbe dovuto ricordare la Bergman di Casablanca e la lunga sciarpa di voile che rischiava di causarle la stessa fine di Isadora Duncan, due pomeriggi alla settimana, alle cinque in punto, saliva lo scalone di Palazzo Dell’Orso per dare lezioni di musica a Lucia. La sua condizione di figlia del direttore della banda musicale paesana le dava credibilità e un certo prestigio, ma il compenso economico che aveva richiesto era mediamente modesto, tale da consentire alla signora Dell’Orso, dama di nobile discendenza ma di ristrette risorse finanziarie, di affidarle la figlia perché ne curasse la formazione musicale. Aveva solo richiesto di trovare una rosa fresca e profumata sul tavolino vicino al pianoforte tutte le volte che fosse andata a dare lezioni a Lucia. La signora Dell’Orso non aveva esitato ad accontentarla. Appena entrava nel salottino dove era alloggiato il pianoforte, Esterina si accostava alla rosa e chiudendo gli occhi ne aspirava il profumo, poi, rinvigorita dall’esalazione del fiore, tirava un lungo respiro, sazia di quell’aroma come un’ape che ha succhiato il nettare della vita. Con un gesto deciso si toglieva il cappello, dal quale sbucava un’ inverosimile chioma ondulata, frutto di torturanti sedute di bigodini, e si metteva al piano dove Lucia l’aspettava diligentemente seduta sul suo sgabello, agitando le gambe magre di adolescente che avrebbero desiderato di calcare una pista da ballo più che di stare a pigiare su tasti e pedali. E così iniziava il tormento. Il fatto era che Lucia non aveva alcuna inclinazione per la musica, cosa che la signorina Esterina si guardava bene dal manifestare per timore di perdere il suo lavoro. “Mais non, mais non, ma petite, plus de attention, plus de concentration.” Lo spartito del Piccolo Montanaro mostrava i guasti di lunghe ed inutili esercitazioni, ma lei non demordeva. E quando la signora Dell’Orso le chiedeva se la figlia progredisse nel suo cammino musicale, rispondeva: “Il faut avoir de patience, ma chère, beaucoup de patience.” Ed esaurita l’estenuante ora di lezione, riprendeva le scale, non prima di avere tolto la rosa dal vaso per portarla con sé, stretta al petto come un bene prezioso. Dopo un lungo anno, i progressi di Lucia non si vedevano ancora. La ragazza smaniava, il tempo passato al piano le sembrava una lenta tortura. Protestava con la madre perché, mentre le sue coetanee passavano i pomeriggi del sabato con gli amici, lei doveva sorbirsi la presenza di quella signorina fuori del tempo. “Ho sedici anni –protestava- A che mi serve imparare a suonare queste musiche che nessuno conosce più? Roba d’altri tempi, da Signorina Felicita e Mazurka della nonna.” Ad un certo punto la signora Dell’Orso capì ch’era giunto il momento di desistere. Comprese che quelle lezioni di musica erano soltanto un cerimoniale officiato per compensare in qualche modo il proprio rimpianto di non essere diventata una grande concertista. Si arrese alla logica della figlia, che si rifiutava di incarnare un ruolo che non era più idoneo ai tempi, e ammise con se stessa, seppure a malincuore, che Lucia non possedeva alcun talento e che quindi continuare quelle lezioni era soltanto ostinarsi a tentare di far sopravvivere modelli femminili obsoleti. Ma non ebbe cuore di comunicarlo personalmente all’insegnante e preferì dare l’incarico alla figlia. La ragazza non se lo fece ripetere più di una volta, felice di troncare finalmente la tortura di quel tempo speso a strimpellare sui tasti d’avorio, si affrettò ad eseguire la missione affidatale. Quando giunse davanti al cancelletto di ferro della casa di Esterina, tirò la cordicella che, facendo oscillare la vecchia campana semiarrugginita, produsse un suono sgraziato, da mandria di vacche. Attese qualche minuto che le venisse aperto, dopodiché riprovò a scrollare la campana. Poiché anche il secondo tentativo non produsse alcun effetto, cercò di sbirciare fra le sbarre, sperando di essere vista. Premendo involontariamente il braccio sul cancello questo si aprì cigolando. Lucia si inoltrò per il cortile fino alla porta di legno e si rese conto che era socchiusa. La spinse ed entrò. “Signorina Esterina, sono Lucia.” Chiamò, ma non le rispose nessuno. Avanzando per la stanza tornò a chiamare: “Signorina Esterina, sono io, sono venuta per dirle…” Ma rimase a metà della frase, sbigottita. Su un divano di vimini era disteso il vestito di velluto verde che indossava la sua insegnante quando andava da lei per le lezioni e a terra vide abbandonate le scarpe con la punta sottile e il cinturino. Allungando lo sguardo scorse il cappello e la sciarpa di voile. Si guardò attorno: sui muri macchie di umido si alternavano a foto ingiallite, squinternati spartiti di musica giacevano ammucchiati su una sedia. Niente di quella casa la riconduceva all’immagine di Esterina seduta al piano accanto a sé. Tutto era silenzio e squallore, vuoto. E quegli indumenti acconciati come se qualcuno li stesse per indossare facevano pensare ad un fantasma. Sul tavolo, coperto da un consunto tappeto che un giorno doveva essere stato di valore, dentro una grande ciotola di terracotta, erano conservate tante, tante rose, appassite e lasciate a seccare. Spaventata per quella desolante scena che le suggeriva ipotesi di delitti, Lucia uscì di corsa da quella casa spettrale, con il cuore che andava a mille e una folla di pensieri assurdi che le turbinava nel cervello. Dove era finita la signorina Esterina? Cosa le era successo? Qualcuno certo doveva sapere e qualcuno doveva poter spiegare quell’assenza misteriosa. Ma della signorina Esterina, inghiottita da un ignoto destino da un giorno all’altro, nessuno seppe mai più nulla, anche se si fecero mille ipotesi. Qualcuno disse che era fuggita con un amante segreto, qualcun altro che era scappata perché sommersa dai debiti, altri affermarono di averla vista in città che “faceva la vita”. Voci che si incrociarono a lungo alla ricerca di una verità sconosciuta, come succede spesso nei paesi, e che, come in ogni paese che si rispetti, col tempo si affievolirono e non si udirono più.

© Anna Maria Bonfiglio

dal 2009-02-04
VISITE: 24286


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali