Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Pagina ufficiale Facebook Pagina ufficiale Youtube Pagina ufficiale Instagram Pagina ufficiale Linkedin Gruppo Telegram Whatsapp Community
TeleScrivente:    Gordiano Lupi recensisce: Per difendersi dagli scorpioni di Fernando Sorrentino (29/09/2023)    31 amici per un progetto corale (17/09/2023)    Il foglio letterario. PROGRAMMA 23 Maggio – 11 Giugno (23/05/2023)    [04/03/2024] 1 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    PREMIO STESICORO scadenza 2024-03-15    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    premio alla carriera Stesicoro 2024 - evento II edizione (EVENTO 2024-03-15)    AUDIOLIBRI     I decapitati di Francesco Ciriòlo letto da Alessandro Corsi     Il profumo dell'estate di Cinzia Baldini letto da Alessandro Corsi     Capitolo 6 - La perla di Labuan di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 5 - Fuga e Delirio di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 4 - Tigri e leopardi di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI     Billy Summer di Stephen King    Il nome di Abel di Andrea Meli     Come mio fratello di Uwe Timm     Sul margine di Maria Allo     Prove per atto unico di Maria Benedetta Cerro    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Ardengo Soffici e il Fascismo     Ezra Pound: una breve nota     La poesia patriottica nel Romanticismo italiano     L’immanenza dell’incarnazione nella poesia di Mario Luzi     La storia alimentare di Porto San Giorgio, tra folklore, letteratura e testimonianze Di Edoardo Mistretta    Racconti     La luna blu di Alessandro Abate     I decapitati di Francesco Ciriòlo     Sara y la Facultad di Jorge edgardo López     L'intervista di Cinzia Baldini     Il temporale di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Shakespeare, William (1564-1616)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     In punta di piedi di Paola Ceccotti     Lux di Alessio Romanini     Respiro di Valeria Vecchi     Stanno le cose di Teodoro De Cesare     Madre di Davide Stocovaz    Cinema     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller    Musica     I Inside The Old Year Dying (2023) - PJ Harvey     La moglie in bianco … la Compilation al pepe (2023) - Diego Pavesi     RökFlöte (2023) - Jethro Tull    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Facebook
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
15 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
21 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Con le peggiori intenzioni
di Alessandro Piperno
Pubblicato su SITO


Anno 2006- Mondadori
Prezzo € 5- 304pp.
ISBN 2147483647

Una recensione di Gordiano Lupi
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 11335
Media 79.34%



 Con le peggiori intenzioni

Antonio D’Orrico ha fregato anche me questa volta. Non ce l’ho fatta a resistere alle sirene incantatrici che mi dicevano compralo, è il nuovo Proust italiano, leggilo è un capolavoro, assaporalo ne rimarrai incantato. Sette pagine di spottone megagalattico con tanto di copertina sul Corriere Magazine sul romanzo dell’anno, tanto da definire Generazione Piperno la schiera dei presunti fan di questo “giovane scrittore diventato subito fenomeno”, mi hanno convinto a spendere (male) i miei diciassette euro. E adesso sono qui che mi chiedo come ha fatto Antonio D’Orrico a leggere “ancora in bozze” un romanzo che io, pure rilegato e impaginato a dovere come solo la Mondadori sa fare, non ce la facevo a portarlo avanti, mi c’è voluta una costanza boia e ho fatto una fatica che forse fatico meno quando lavoro in banca, ché la lettura è un piacere, quando diventa patimento meglio parlare di conti correnti e di interessi passivi. Ora però l’ho letto, mi sono imposto di arrivare fino in fondo, non l’ho mollato a pagina cento come a un certo punto m’era preso di fare, e siccome l’ho letto tutto ne parlo, almeno servirà a qualcosa la fatica che ho fatto, magari la risparmio a qualche altro, magari metto in guardia qualcuno dalle sirene incantatrici, ché il libro di Piperno giusto se uno lo deve fare per lavoro o deve scontare una penitenza lo può leggere. Non vedo altri motivi. E allora parliamo di questo romanzo dell’anno, di queste trecento pagine di niente al costo di diciassette euro, di questa prosa involuta e pesante da accademico con la puzza sotto il naso, di questo polpettone pauroso che non lo consiglierei nemmeno al mio peggior nemico, di questa sbobba indigeribile che ti resta sullo stomaco più di un piatto di peperonata per cena. Il romanzo attacca con Bepy Sonnino e parla della sua vita dissoluta, di un tumore alla vescica che se lo porta via, di un cadavere che provoca un rimescolio di interrogativi alla Proust con spruzzatina di Joyce stile Ulisse e i pensieri al funerale, degli ebrei di oggi che sono diversi da quelli di ieri e oggi è facile essere ebrei, mica come un tempo, un po’ come essere froci, adesso sono tutti capaci, pare quasi un privilegio. E poi via con la confessione di una diversità che ci tiene occupati per un capitolo intero, ché delle seghe che il protagonista si faceva da ragazzino se n’era già parlato prima e nemmeno poco. La difficoltà ad accettare che suo padre e sua madre siano un uomo e una donna e che lui sia il prodotto della loro umanità è un altro interrogativo filosofico che non toglie il sonno e che appassiona (si fa per dire) per pagine e pagine. Per non parlare degli ebrei e di cosa voglia dire oggi essere ebreo e di tutte le migliaia di interrogativi retorici di cui è zeppo il libro. L’amore per Gaia, l’adolescenza di un professore a contratto che ha scritto un saggio sugli ebrei (e questo è il buon Piperno si maschera pure poco bene), una donna che gli fornisce “il suo azzurro passe-partout per il Paradiso” e che è pure “un’azzurrata fantasia mattutina”. Ma vi rendete conto? Il peggiore degli esordienti dotato di uno stile involuto e arcaico scrive cacchiate simili e pure Liala ai suoi tempi faceva di meglio, almeno aveva uno stile popolare e non diceva d’essere Letteratura di quella con la elle maiuscola. Piperno ci sviolina tutti i suoi rimpianti, il suo essere un ebreo diverso che rinnega il passato, tra periodi interrogativi che durano una pagina intera, incisi chilometrici fatti di parentesi tonde e pure quadre, ché le tonde mica bastano per fare un inciso dentro un altro inciso come fosse un panino al prosciutto con senape e carciofini. Tutto questo polpettone di avanzi della settimana prima Piperno lo serve in tavola ben condito con uno stile da urlo, scegliendo sempre le parole peggiori e intrigate per dire le cose più semplici, rendendo complesso tutto, persino un personaggio che incontra un altro e dice: “Buongiorno, come va?”. Piperno usa con leggerezza espressioni come sdilinquito, burbanza, frase anodina, obbiettività con due b (lo faceva pure Montanelli e lo perdoniamo). C’è di buono che di questo romanzo si possono saltare frasi e frasi, pagine e pagine ché tanto mica vi perdete niente. Sbrodolate sulla famiglia Sonnino, su Bepy, su Nanni Cittadini, su arricchiti ebrei che entrano nel bel mondo degli industriali milanesi, storie senza né capo né coda che iniziano, finiscono e si arrotolano su loro stesse lasciando annichilito il povero lettore che credeva di aver comprato un romanzo. Che dico un romanzo… un capolavoro! Una mania iperdescrittiva che fa abbandonare più volte il libro e il lettore si domanda ma chi me lo fa fare, perché lo sto leggendo, cosa ho fatto di male, perché mi devo flagellare, va bene che siamo sotto Pasqua ma io non devo redimere i peccati di nessuno. E allora sapete cosa faccio e cosa consiglio di fare a tutti voi che siete rimasti fregati dalle marchette di D’Orrico e soci? Prendo Con le peggiori intenzioni, lo metto in una busta e sopra ci scrivo: Arnoldo Mondadori Editore – Ufficio Reclami Clienti – Segrate – Milano. Dentro la busta ci metto pure questa specie di recensione, che più che una recensione è uno sfogo di un lettore incazzato, ché dopo aver letto una boiata simile e averla pure pagata cara l’incazzatura ti viene, soprattutto perché te l’hanno spacciata come un capolavoro, non come un tentativo di romanzo di un esordiente che l’hanno pubblicato tanto per fare un esperimento. No, alla Mondadori volevano costruire il fenomeno dell’anno, tanto per dimostrare che la gente legge cosa decidono loro, ché a fare una classifica di vendita ci vuole poco quando Mondadori Editore vende i libri a Mondadori Distribuzione e alle varie Librerie Mondadori, appena escono di stamperia sono già venduti tutti. Insomma, dicevo che a Mondadori glielo rimando questa specie di libro e gli dico che in cambio pretendo un libro di Dino Buzzati, che almeno mi rifaccio la bocca. Con le peggiori intenzioni è un romanzo snobistico ed elitario, scritto da uno che crede di aver fatto un capolavoro e invece ha scritto una puttanata, un romanzo con dialoghi irreali, costruiti e per niente credibili, un romanzo con una prosa involuta e pesante, illeggibile, noioso, pieno di parentesi e interrogativi, senza una storia sostenibile, senza un minimo di tensione narrativa, un romanzo che non dice niente salvo cose scontate e risapute e che le poche cose che dice le dice pure male. Insomma se vi volete fare due palle come due meloni leggete Piperno, se no astenetevi che è meglio. L’unica verità indiscutibile del libro la trovate a pagina 196 ed è una sorta di confessione dell’autore, almeno così mi è parso: “Non è il romanzo che è morto, ma semmai sono morto io come romanziere, ancor prima di nascere”. Proprio così. Adesso hai visto giusto, caro Piperno. Come mai non ci hai pensato prima di scrivere una boiata simile? E perché non lo hai detto pure a D’Orrico? Ci risparmiavi questa penitenza.

Recensione tratta da "Nemici miei" di Gordiano Lupi (ed. Stampa Alternativa)


Una recensione di Gordiano Lupi



Recensioni ed articoli relativi a Alessandro Piperno

(0) Inseparabili. Il fuoco amico dei ricordi di Alessandro Piperno - RECENSIONE
(1) Persecuzione di Alessandro Piperno - RECENSIONE
(2) Con le peggiori intenzioni di Alessandro Piperno - RECENSIONE

Recensioni ed articoli relativi a Gordiano Lupi

(0) Pier Paolo Pasolini, il cinema, l'amore e Roma di Gordiano Lupi & Patrizio Avella - RECENSIONE
(1) Il fantasma di Alessandro Appiani di Stefano Simone - RECENSIONE CINEMA
(2) Pasolini - L’uomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan - RECENSIONE
(3) Passi nel delirio di Autori vari - Il Parere di PB
(4) Fuga da mondi incantati di A.A.V.V. - Il Parere di PB
(5) Sognando mondi incantati di A.A.V.V. - Il Parere di PB
(6) FAME La trilogia cannibale di G.Lupi e altri - Il Parere di PB
(7) Il palazzo di Gordiano Lupi - Il Parere di PB
(8) Mondi incantati - 14 racconti fantastici ed una storia d'amore di Autori Vari ( Altomare, Lupi, Mongai, Valzania...) - Il Parere di PB
(9) Il Funzionario e altri racconti di A.A.V.V. - Il Parere di PB
(10) Malefica - 13 fiabe crudeli di Paolo Di Orazio - Ivo Scanner - Gordiano Lupi - Alda Teodorani ed altri - Il Parere di PB
(11) Se fossi postumo sarei (Ba)ricco di Vincenzo Trama - RECENSIONE
(12) Velina e calciatore, altro che scrittore! di Gordiano Lupi - RECENSIONE

Altre recensioni di Gordiano Lupi

(1) Dal Corriere dei Piccoli ai Poochie di Moira Liberati - RECENSIONE
(2) La moglie in bianco … la Compilation al pepe di Diego Pavesi - RECENSIONE MUSICA
(3) Buste di poesia di Emily Dickinson - RECENSIONE
(4) I segreti di Procida di Fabio Baldassarri - RECENSIONE
(5) Delitti e maestrale di Antonino Genovese - RECENSIONE
(6) Nuova canzone felice di Marco Melillo - RECENSIONE
(7) Tifosi interisti per sempre di Alberto Figliolia - RECENSIONE
(8) Come una barca sul cemento di Roberto Saporito - RECENSIONE
(9) Ti spacco il muso, bimba! di Carlo Manzoni - RECENSIONE
(10) Le cere di Baracoa di Davide Barilli - RECENSIONE
>>Continua (click here)

Altre recensioni:




-

dal 2006-05-16
VISITE: 27.209


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2016 - Privacy & Trattamento dati personali