Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Pagina ufficiale Facebook Pagina ufficiale Youtube Pagina ufficiale Instagram Pagina ufficiale Linkedin Gruppo Telegram Whatsapp Community
TeleScrivente:    Progetto Babele: Collaboratori cercasi! (21/05/2024)    Gordiano Lupi recensisce: Per difendersi dagli scorpioni di Fernando Sorrentino (29/09/2023)    31 amici per un progetto corale (17/09/2023)    [23/05/2024] 2 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Città di Cava de’ Tirreni scadenza 2024-05-24    Lago Gerundo scadenza 2024-05-31    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    JAZZINSIEME 2024 PORDENONE SI TINGE DI JAZZ - JAZZINSIEME 2024 Dal 23 Maggio al 2 Giugno il centro di Pordenone, special guest l'inedito trio Calderazzo, Patitucci, Weckl (EVENTO 2024-06-02)    AUDIOLIBRI     I decapitati di Francesco Ciriòlo letto da Alessandro Corsi     Il profumo dell'estate di Cinzia Baldini letto da Alessandro Corsi     Capitolo 6 - La perla di Labuan di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 5 - Fuga e Delirio di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 4 - Tigri e leopardi di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI     Billy Summer di Stephen King    Il nome di Abel di Andrea Meli     Gli ultimi eroi di Guido Morselli     Poscienza di Roberto Maggiani     Rasella: storia di una bomba di Chiara Castagna    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Vampiri: una storia senza fine     I memorialisti e gli storici del Romanticismo italiano     Carmilla     John Polidori & George Gordon Byron - Biografie allo specchio     Il paese invisibile e il passo per inventarlo di Roberto Marcòni: un percorso attraverso lo spirito del paesaggio    Racconti     Mia moglie ti dirà che è tutta colpa della pandemia di Giuseppe Crispino     La luna blu di Alessandro Abate     I decapitati di Francesco Ciriòlo     Sara y la Facultad di Jorge edgardo López     L'intervista di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Shakespeare, William (1564-1616)     Le Fanu, Joseph Sheridan (1814-1873)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     In punta di piedi di Paola Ceccotti     Lux di Alessio Romanini     Respiro di Valeria Vecchi     Stanno le cose di Teodoro De Cesare     Madre di Davide Stocovaz    Cinema     Dracula di Bram Stoker (USA 1992) regia di Francis Ford Coppola     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana    Musica    I Inside The Old Year Dying (2023) - PJ Harvey    La moglie in bianco … la Compilation al pepe (2023) - Diego Pavesi     RökFlöte (2023) - Jethro Tull    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Bookshop
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
17 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
4 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
14 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

L' apocrifo nel baule
di Michele Brancale
Pubblicato su SITO


Anno 2019- Passigli
Prezzo € 12,50- 96pp.
ISBN 9788836816750

Una recensione di Maria Pina Ciancio
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 400
Media 80.38%



L' apocrifo nel baule

Il poeta lucano Michele Brancale, apre questa sua ultima silloge poetica, “L’apocrifo nel baule” (con prefazione di Roberto R. Corsi), con una dedica ai suoi genitori in esergo a cui aggiunge uno scritto dal vago sentore manzoniano che cattura e smuove il lettore a curiosità. Ne riporto alcuni stralci:  “La prima volta che vidi la sua raccolta di poesie giovanili, saltavo nel magazzino di casa, giocando sulle mattonelle composte su due file a ridosso di un vecchio baule, piuttosto sciupato, che aprii con molto sforzo, sospinto dalla curiosità (…) Sollevato il coperchio , trovai all’interno una fila di libri tutti uguali (…) Ne presi una copia e me la portai in stanza, conservandola (…) E siccome ne parlavi come un peccato di gioventù, l’ho lasciato a lungo da parte  fino a quando, qualche anno fa, l’ho riletto e, in qualche modo, l’ho riscritto insieme a te”.

Il prefatore del libro ha voluto sottolineare, nella sua ampia e puntuale trattazione, l’aria di mistero e di eventuale escamotage che aleggia in questa pagina di introduzione al dettato poetico, lasciando il lettore in una sospensione, in bilico tra verità e finzione circa il manoscritto ritrovato. A rafforzare la sua tesi, quell’apocrifo del titolo, che tradotto nell’accezione comune, al di fuori dell’ambito religioso, assume il significato di un libro, uno scritto o un documento ‘non autentico’, ‘non genuino’ che non è dell’autore o dell’epoca che gli sono attribuiti.

Io ritengo invece che, pur non essendoci nella nota introduttiva appena citata un riferimento esplicito alla figura genitoriale del poeta -peraltro noto scrittore lucano di svariati romanzi- ci sono due piste che vi conducono e non vanno trascurate. La dedica ai genitori di cui ho detto sopra e una lettura in chiave diversa del termine “apocrifo”, che credo vada interpretato nell’accezione biblica meno comune,  che dal greco ἀπόκρυφος, derivato di ἀποκρύπτω «nascondere», indica «ciò che è tenuto nascosto», «ciò che è tenuto lontano dall’uso. Dunque scritti poetici nascosti in un baule, perché lontani e in opposizione a quelli comuni, condivisi e accettati. E qui penso alla narrativa e alla prosa di Giuseppe Brancale marinaio e insegnante, ai suoi versi nascosti nel baule, nati da un errore di gioventù e dunque apocrifi.

Questo libro allora non è per l’autore solo un libro del ricordo, del ritorno all’infanzia, al paese, ma anche e soprattutto un libro dell’incontro e della condivisione. Forse della riconciliazione. Due scritture poetiche che a distanza di anni si intrecciano e si (con)fondono,  testimoniando una continuità generazionale tra padre e figlio, tra passato e presente, tra la grande storia e la piccola storia. La prima sezione percorre e accosta la solitudine e il dolore della guerra combattuta in Africa nel ‘44 ad Alessandria d’Egitto con la lotta e la sopravvivenza degli emigrati di oggi, destini alla deriva, accomunati anch’essi dalla lotta e dalla precarietà della vita “sfidare il mare e le sue strade oscure, / un destino che ora vaga sull’acqua” (p.27). Un tema quello dei migranti, degli emarginati e degli ultimi che abbiamo già trovato come nuclei portanti e fondanti delle sue raccolte precedenti. Si prosegue poi con altre sezioni della silloge più vicine alla storia privata del poeta, l’amore, gli amici, il paese con i ricordi d’infanzia: Sant’Arcangelo, l’Orsoleo, il sentiero di Spadarea in Basilicata. Siamo nel territorio del sentimento, degli affetti e della memoria interiore e anche delle domande dal grande respiro foscoliano “Sotto coperta/ non posso fare a meno di pensare/ se sarò restituito al mio paese” (p.47). In “Satiri e ritratti” volteggiano per le strade una moltitudine di personaggi stereotipati, strani e originali, che sembrano usciti da un libro delle meraviglie, eppure sono così veri, concreti e reali per chi ha vissuto e conosce il tessuto sociale dei piccoli borghi. Tracce di vita passata, che si intrecciano e si confondono con quella presente, raccontata, ascoltata, vissuta. Colpiscono accanto ai ritratti, anche le abitudini di paese, come “Il matrimonio di terza classe”, “Il matrimonio con l’amico di famiglia”, le malelingue, le parentele. Qui il linguaggio si addentra talvolta nel territorio della satira con battute critiche e dissacranti, allo scopo di smuovere a riflessione, prendendo di mira i vizi e il malcostume sociale. Nell’ultima sezione l’oggetto della polemica è l’editoria e la critica stessa, con le sue regole e i suoi modelli “Il critico ripetendo a pappagallo/ ciò che sentiva dagli altri e parlando/ per difetti, diceva sempre male,/ incassava rispetto nel timore, / il consenso, il listino del consenso// E certo non poteva mai mancare/ uno sguardo acuto sulla morale. (p.81).

Chiude il libro la sezione “Per fede e per amore” e qui vi sento forte il messaggio di Papa Francesco: «L’amore è la misura della fede e la fede è l’anima dell’amore». E’ composta da quattro poesie in cui Michele Brancale consegna al lettore la sua voce più chiara e cristallina, che è di “ascolto”. Ascolto della voce del mondo, degli altri e di se stessi “quella voce arriva se non si chiude/ la strada per essere umani ancora” (p.86) ed è quella “dal quale emerge il sentimento di Dio” (p.87).

E’ connaturato al senso primario
della ricerca lo scavare a fondo
-magari lento ma insistente, lungo
le circostanze, i temi sensibili-
che talvolta si fa senso panico,
identificazione naturale,
che non ferma il tarlo dell’incompiuto,
dal quale emerge il sentimento di Dio

(All’amico, p.87)


Una recensione di Maria Pina Ciancio



Recensioni ed articoli relativi a Michele Brancale

(0) L'apocrifo nel baule di Michele Brancale - RECENSIONE
(1) Salmi metropolitani di Michele Brancale - RECENSIONE

Recensioni ed articoli relativi a Maria Pina Ciancio

(0) La ragazza con la valigia di Maria Pina Ciancio - RECENSIONE

Altre recensioni di Maria Pina Ciancio

(1) Il leggero transito delle parole di Griselda Doka - RECENSIONE
(2) Prove per atto unico di Maria Benedetta Cerro - RECENSIONE
(3) Fenomenologia del silenzio di Anna Rita Merico - RECENSIONE
(4) L’intero senso di Rossella Tempesta - RECENSIONE
(5) Itinerario della mente verso Thomas Bernhard di Martino Ciano - RECENSIONE
(6) Sul margine di Maria Allo - RECENSIONE
(7) La cura degli assenti di Margherita Rimi - RECENSIONE
(8) Poesie novissime di Francisco Soriano - RECENSIONE
(9) Luoghi sospesi di Anna Maria Ferramosca - RECENSIONE
(10) Fratture da comporre di Antonio Spagnuolo - RECENSIONE
>>Continua (click here)

Altre recensioni:




-

dal 2022-09-20
VISITE: 864


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2016 - Privacy & Trattamento dati personali