Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Pagina ufficiale Facebook Pagina ufficiale Youtube Pagina ufficiale Instagram Pagina ufficiale Linkedin Gruppo Telegram Whatsapp Community
TeleScrivente:    Progetto Babele: Collaboratori cercasi! (21/05/2024)    Gordiano Lupi recensisce: Per difendersi dagli scorpioni di Fernando Sorrentino (29/09/2023)    31 amici per un progetto corale (17/09/2023)    [23/06/2024] 5 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    “Eridanos” scadenza 2024-06-23    Il Premio Città di Como scadenza 2024-06-30    Seven Live 2024 scadenza 2024-06-30    V EDIZIONE PREMIO LETTERARIO TERESA COGNETTA scadenza 2024-07-03    V ED. PREMIO TERESA COGNETTA scadenza 2024-07-03    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    Comfort Festival - Ferrara diventa americana (EVENTO 2024-07-07)     ATTRAVERSAMENTI MULTIPLI 2024 - danza_teatro_musica_site specific_nella natura urbana (SPETTACOLO_TEATRALE 2024-06-29)    AUDIOLIBRI     I decapitati di Francesco Ciriòlo letto da Alessandro Corsi     Il profumo dell'estate di Cinzia Baldini letto da Alessandro Corsi     Capitolo 6 - La perla di Labuan di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 5 - Fuga e Delirio di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 4 - Tigri e leopardi di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI     Billy Summer di Stephen King    Il nome di Abel di Andrea Meli     Praga poesia che scompare di Milan Kundera     Gli ultimi eroi di Guido Morselli     Poscienza di Roberto Maggiani    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Uno sguardo all’Open studio presso la Casa degli Artisti di Milano di Cecilia Del Gatto Di Riccardo Renzi     Vampiri: una storia senza fine     I memorialisti e gli storici del Romanticismo italiano     Carmilla     John Polidori & George Gordon Byron - Biografie allo specchio    Racconti     Mia moglie ti dirà che è tutta colpa della pandemia di Giuseppe Crispino     La luna blu di Alessandro Abate     I decapitati di Francesco Ciriòlo     Sara y la Facultad di Jorge edgardo López     L'intervista di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Shakespeare, William (1564-1616)     Le Fanu, Joseph Sheridan (1814-1873)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     In punta di piedi di Paola Ceccotti     Lux di Alessio Romanini     Respiro di Valeria Vecchi     Stanno le cose di Teodoro De Cesare     Madre di Davide Stocovaz    Cinema     Dracula di Bram Stoker (USA 1992) regia di Francis Ford Coppola     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana    Musica    I Inside The Old Year Dying (2023) - PJ Harvey    La moglie in bianco … la Compilation al pepe (2023) - Diego Pavesi     RökFlöte (2023) - Jethro Tull    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Audiolibri
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
15 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
3eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
18novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Il 1848 e le cinque giornate di Milano
di Antonio Monti
Pubblicato su PB15


Anno 2004- Fratelli Frilli
Prezzo € 19- 272pp.
Collana Lombardia storica
ISBN 8875630119

Una recensione di Carlo Santulli
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 1446
Media 80.55%



Il 1848 e le cinque giornate di Milano

Ristampare i libri di storia potrebbe sembrare, a prima vista, un esercizio sterile, perché se i fatti sono, idealmente, immutabili, in realtà la storiografia si costruisce sulle fonti, insomma sui documenti e sulle testimonianze. Questo lascia non solo margine per diverse interpretazioni, ma anche rappresenta, grazie alla stessa scelta delle fonti, un motivo di controversia nella ricostruzione dei fatti. Di conseguenza, quando rileggiamo un’opera storiografica uscita più di mezzo secolo fa, come questo libro di Antonio Monti, che uscì per la prima volta nel 1948 in occasione delle celebrazioni per il centenario delle Cinque Giornate (18-22 marzo 1848), è facile osservare come tutto vi appaia datato, dal tono dell’esposizione alla scelta dell’impostazione ad una certa enfasi patriottica intorno al Risorgimento, che non può che sembrare “fuori moda” in quest’epoca multiculturale ed europeistica.
Questo in apparenza: ma poi, andando a fondo, ci si rende conto che la ristampa di questo libro ormai introvabile in commercio, non rappresenta solo un atto dovuto, ma illumina con chiarezza che cosa un episodio breve, ma intenso, come le Cinque Giornate rappresentò in una città come Milano, in fase di sviluppo economico, e caratterizzata da vivaci contrasti sociali e da un fortissimo spirito stracittadino, che faremmo forse fatica a ritrovare nella moderna metropoli, nella quale la città del ’48 è stata largamente cancellata, un processo accelerato specie dopo il 1926, quando una serie di comuni limitrofi vennero aggregati a quel che era Milano in origine, cancellando di conseguenza molte particolarità topografiche, che rimangono più come curiosità che altro. Nella Grande Milano, anche i Navigli sono stati ricoperti, salvandone solo la zona della Darsena, verso sud-ovest. Come già Monti osservava nel 1948, ancora con molte trasformazioni di là da venire, le Cinque Giornate sembrano un episodio accaduto in un’altra città, forse in un luogo di fantasia. L’autore però ci riporta alla realtà, non solo perché era già abbastanza anziano quando scrive questo libro da ricordare quello che Milano era solo un paio di generazioni prima (la Milano di Bava Beccaris, e degli altri tumulti del ’98, se vogliamo), ma anche perché raccoglie le preziosissime testimonianze dei “reduci” del 1848, quando nel 1884 la Commissione Municipale decide di concedere loro la medaglia delle Cinque Giornate, dopo aver accertato il loro ruolo reale nell’insurrezione. Il che è molto bello ed ottocentesco, e ci avvicina quelli che venivano visti nell’iconografia come eroi, e che testimoniano con una modestia ed un tono di sincerità quasi toccante, tutt’altro che icastica, ma viceversa molto umana, e non priva di pietà per il “nemico” austriaco (ad onor del vero, molti soldati di stanza a Milano erano in realtà croati). E questo ci fa vedere come i Milanesi compresero l’importanza da subito di quella sollevazione, al di là del suo risultato, che fu quello di una decina d’anni di repressione e compressione delle libertà civili da parte dei governanti austro-ungarici. Questa estrema rilevanza delle Cinque Giornate è indicata per esempio dal fatto che moltissime vie di Milano sono dedicate a reduci di quelle giornate di marzo ’48, come per esempio Bernardino Bianchi, che nel 1884, come Monti riporta, era prefetto di Ferrara, e c’è anche corso 22 marzo che giustamente inizia a piazza delle Cinque Giornate. Ed il fatto topografico è per una volta indice di qualcosa di molto importante, cioé che il Quarantotto è stato qualcosa motivo d’orgoglio per i milanesi, prima di tutto perché la rivolta riportava la loro città per qualche tempo al ruolo ed alla responsabilità di una capitale, se non per tutta Italia, almeno per l’Alta Italia, come era stata ai tempi di Napoleone (e non è un caso del numero e dell’importanza di ex-bonapartisti, pur anziani, che parteciparono alle Cinque Giornate.
E verso una capitale, la gente accorre letteralmente da ogni dove a portar soccorso, ci sono i genovesi di Nino Bixio e Goffredo Mameli che arrivano solo l’ultimo giorno, ma poi c’è, a dare il ruolo di rivoluzione alle Cinque Giornate, la partecipazione di tutto il popolo a creare le barricate, da coloro che svolgevano i mestieri più modesti (molte le donne) fino alla nobiltà, come la bellissima Contessa Suardi, che dato un pugnale ad un giovane abate, cui dal balcone aveva fatto cenno di salire (e non è da escludere che questi avesse pensato ad una diversa conclusione della vicenda), gli dice: “Va’ e ferisci l’oppressore che oltraggia la bella Italia nostra”, cosa che l’abate esegue senza esitazioni e che dà l’inizio alla rivolta. Molto operistico, anzi verdiano.
Certo, ci sono anche i nomi “che contano” nel Risorgimento milanese, da Casati a Cattaneo, che pur non essendo d’accordo praticamente su nulla sulla questione del dopoguerra e dell’Italia da farsi, riescono tuttavia a collaborare efficacemente nel governo provvisorio: e che il dopoguerra fosse più complesso della guerra lo dimostrano i 22 (almeno) giornali politici che si stampavano a Milano poche settimane dopo il 22 marzo 1848. E c’è Mazzini naturalmente, che arriva tardi e cerca di formare la repubblica, ed anche Manzoni, che firma con mano tremante la petizione perché Carlo Alberto intervenga. E qui ci metto del mio, perché, se Monti avanza dei dubbi sulla “mano tremante” (altro topos operistico, comunque) di Manzoni, io credo che sia un effetto della malattia nervosa che lo tormentò per tutta la vita.
La specificità tuttavia del Quarantotto milanese fu l’immediata partecipazione popolare, che non ebbero altre rivoluzioni, ed episodi ben più celebri, come quello dei Mille di Garibaldi, acquistarono solo strada facendo, si conquistarono per così dire. Per questo, la parte più interessante però rimangono le testimonianze dei reduci, sparse qua e là nel testo e poi concentrate come documento alla fine. Monti ne segue la vita dopo le Cinque Giornate, per quanto possibile, e ci sono per lo più vite tranquille, modeste, borghesi diremmo oggi, spesso ritirate da ogni partecipazione politica. Questo accresce il fascino un po’ oleografico di quella lontana rivolta, a cui pur dobbiamo qualcosa se l’Italia, pur con tutti i suoi problemi e difficoltà, rimane un paese unito.


Una recensione di Carlo Santulli



Recensioni ed articoli relativi a Antonio Monti

(0) Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti - Il Parere di PB

Recensioni ed articoli relativi a Carlo Santulli

Nessun record trovato

Altre recensioni di Carlo Santulli

(1) La qualità dei sentimenti di Giampaolo Giampaoli - RECENSIONE
(2) Quei gran pezzi dell'Emilia Romagna di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini - RECENSIONE
(3) Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi - Il Parere di PB
(4) La gallina volante di Paola Mastrocola - Il Parere di PB
(5) Operazione Arca di Noè di Andrea Coco - Il Parere di PB
(6) Il castello incantato di Emiliano Grisostolo - Il Parere di PB
(7) Cassandra di Laura De Santis - Il Parere di PB
(8) Cuore e acciaio - estetica dell'animazione giapponese di Marcello Ghilardi - Il Parere di PB
(9) La nascita della bellezza - da Bruegel a Basquiat ritratti di un mondo segreto di Maria Grazia Mezzadri Cofano - Il Parere di PB
(10) Sia fatta la tua comicità. Paradise strips di Pietro Pancamo - Il Parere di PB
>>Continua (click here)

Libri di pubblicati nella collana I libri di PB

Copertina
Scheda Libro
Compralo ora!
Copertina
Prefazione / Indice / Scheda
Ghigo e gli altri
di Carlo Santulli
2007
pg. 204 - A5 (13,5X21) BROSSURATO
Prezzo Amazon 8.31 euro

Altre informazioni / L'autore

Compra questo EBOOK su AMAZON.IT
Compra questo libro su AMAZON.IT
Mod.Ordini
Compra

Anteprima ( 659)

Acquista una copia
Copertina
Prefazione / Indice / Scheda
Ghigo e gli altri
di Carlo Santulli
2010
pg. 200 - A5 (13,5X21) COPRIGIDA

Altre informazioni / L'autore

Compra questo EBOOK su AMAZON.IT
Mod.Ordini
Compra

Anteprima ( 659)

Acquista una copia

 

Altre recensioni:




-

dal 2004-11-20
VISITE: 15.478


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2016 - Privacy & Trattamento dati personali