Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Il gruppo di Progetto Babele su Facebook
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Collabora con PB Cos'è PB?
TeleScrivente:    Arriva Solaris, e ci (ri) porta i capolavori della fantascienza russa (08/05/2018)    Dopo quindici anni, chiude la rivista Segreti di Pulcinella (ma resta il BLOG) (03/05/2018)    La biblioteca più alta del mondo (forse) (01/05/2018)    Lo stagno dei caimani - ritrovato il racconto perduto di Salgari (12/04/2018)    Il 12 Ottobre 2017 chiude i battenti la storica NETEDITOR (06/10/2017)    [19/07/2018] 10 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    FESTIVAL DEI DUE PARCHI scadenza 2018-07-20    L'umorismo, un modo di guardare la realtà scadenza 2018-07-21    Un Monte Di Poesia scadenza 2018-07-22    Città di Porto Recanati - Premio Speciale Renato Pigliacampo scadenza 2018-07-25    III Edizione della Giornata mondiale della Poesia con A.Monaco -100thousand poets for change 2018 scadenza 2018-07-25    Racconti di Milleparole scadenza 2018-07-30    Lo Scrittoio scadenza 2018-07-30    Giornalismo d'inchiesta - Italia, il bel Paese scadenza 2018-07-30    Uomini, e donne, sul mare scadenza 2018-07-31    FINO IN FONDO scadenza 2018-07-31    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi     Delusione di Christian Bigiarini letto da Alberto Sannazzaro     L`ultimo di Giuseppe Foderaro letto da Luca Govoni    RECENSIONI     Coraline di Neil Gaiman Adattato e ilustrato da P. Craig Russell     A Sud dell’Alameda - Diario di un’occupazione di Lola Larra e Vicente Reinamontes     Ho sognato di vivere - Variazioni sul tema del tempo in Roberto Vecchioni di Mario Bonanno     Le case del malcontento di Sacha Naspini     Laura Morante, in punta di piedi di Stefano Iachetti    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     L´horror psicologico di Michele Pastrello     ANTONIO ALTOMONTE «emblematico ricostruttore di perdute dimensioni».     Il mondo poetico del calabrese Rocco Nassi     FRANCESCO PERRI (Careri 1885 – Pavia 1975): il primo scrittore antifascista della letteratura italiana e il primo cantore dell’emigrazione meridionale     La donna indiana tra letteratura e realtà. Anita Desai e Kamala Markandaya.    Racconti     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice     Lettera ad una cucciola di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Rodolfo Walsh (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi     Semplicemente luce di Elisabetta Santirocchi     Testamento di Antonio Sacco    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
View Redazione Babele's profile on LinkedIn

Angolo di SImone

La Rivista
PB numero 19
Scarica gratuitamente PB
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
35 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
11 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Il 1848 e le cinque giornate di Milano
di Antonio Monti
PUBBLICATO su SITO



SAGGIO
Fratelli Frilli 2004
Prezzo € 19 - 272 pp.
Collana Lombardia storica
ISBN 8875630119
Una recensione di Carlo Santulli
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 46
Media 75.87 %


1848 e le cinque giornate di Milano;Il

Ristampare i libri di storia potrebbe sembrare, a prima vista, un esercizio sterile, perché se i fatti sono, idealmente, immutabili, in realtà la storiografia si costruisce sulle fonti, insomma sui documenti e sulle testimonianze. Questo lascia non solo margine per diverse interpretazioni, ma anche rappresenta, grazie alla stessa scelta delle fonti, un motivo di controversia nella ricostruzione dei fatti. Di conseguenza, quando rileggiamo un’opera storiografica uscita più di mezzo secolo fa, come questo libro di Antonio Monti, che uscì per la prima volta nel 1948 in occasione delle celebrazioni per il centenario delle Cinque Giornate (18-22 marzo 1848), è facile osservare come tutto vi appaia datato, dal tono dell’esposizione alla scelta dell’impostazione ad una certa enfasi patriottica intorno al Risorgimento, che non può che sembrare “fuori moda” in quest’epoca multiculturale ed europeistica.
Questo in apparenza: ma poi, andando a fondo, ci si rende conto che la ristampa di questo libro ormai introvabile in commercio, non rappresenta solo un atto dovuto, ma illumina con chiarezza che cosa un episodio breve, ma intenso, come le Cinque Giornate rappresentò in una città come Milano, in fase di sviluppo economico, e caratterizzata da vivaci contrasti sociali e da un fortissimo spirito stracittadino, che faremmo forse fatica a ritrovare nella moderna metropoli, nella quale la città del ’48 è stata largamente cancellata, un processo accelerato specie dopo il 1926, quando una serie di comuni limitrofi vennero aggregati a quel che era Milano in origine, cancellando di conseguenza molte particolarità topografiche, che rimangono più come curiosità che altro. Nella Grande Milano, anche i Navigli sono stati ricoperti, salvandone solo la zona della Darsena, verso sud-ovest. Come già Monti osservava nel 1948, ancora con molte trasformazioni di là da venire, le Cinque Giornate sembrano un episodio accaduto in un’altra città, forse in un luogo di fantasia. L’autore però ci riporta alla realtà, non solo perché era già abbastanza anziano quando scrive questo libro da ricordare quello che Milano era solo un paio di generazioni prima (la Milano di Bava Beccaris, e degli altri tumulti del ’98, se vogliamo), ma anche perché raccoglie le preziosissime testimonianze dei “reduci” del 1848, quando nel 1884 la Commissione Municipale decide di concedere loro la medaglia delle Cinque Giornate, dopo aver accertato il loro ruolo reale nell’insurrezione. Il che è molto bello ed ottocentesco, e ci avvicina quelli che venivano visti nell’iconografia come eroi, e che testimoniano con una modestia ed un tono di sincerità quasi toccante, tutt’altro che icastica, ma viceversa molto umana, e non priva di pietà per il “nemico” austriaco (ad onor del vero, molti soldati di stanza a Milano erano in realtà croati). E questo ci fa vedere come i Milanesi compresero l’importanza da subito di quella sollevazione, al di là del suo risultato, che fu quello di una decina d’anni di repressione e compressione delle libertà civili da parte dei governanti austro-ungarici. Questa estrema rilevanza delle Cinque Giornate è indicata per esempio dal fatto che moltissime vie di Milano sono dedicate a reduci di quelle giornate di marzo ’48, come per esempio Bernardino Bianchi, che nel 1884, come Monti riporta, era prefetto di Ferrara, e c’è anche corso 22 marzo che giustamente inizia a piazza delle Cinque Giornate. Ed il fatto topografico è per una volta indice di qualcosa di molto importante, cioé che il Quarantotto è stato qualcosa motivo d’orgoglio per i milanesi, prima di tutto perché la rivolta riportava la loro città per qualche tempo al ruolo ed alla responsabilità di una capitale, se non per tutta Italia, almeno per l’Alta Italia, come era stata ai tempi di Napoleone (e non è un caso del numero e dell’importanza di ex-bonapartisti, pur anziani, che parteciparono alle Cinque Giornate.
E verso una capitale, la gente accorre letteralmente da ogni dove a portar soccorso, ci sono i genovesi di Nino Bixio e Goffredo Mameli che arrivano solo l’ultimo giorno, ma poi c’è, a dare il ruolo di rivoluzione alle Cinque Giornate, la partecipazione di tutto il popolo a creare le barricate, da coloro che svolgevano i mestieri più modesti (molte le donne) fino alla nobiltà, come la bellissima Contessa Suardi, che dato un pugnale ad un giovane abate, cui dal balcone aveva fatto cenno di salire (e non è da escludere che questi avesse pensato ad una diversa conclusione della vicenda), gli dice: “Va’ e ferisci l’oppressore che oltraggia la bella Italia nostra”, cosa che l’abate esegue senza esitazioni e che dà l’inizio alla rivolta. Molto operistico, anzi verdiano.
Certo, ci sono anche i nomi “che contano” nel Risorgimento milanese, da Casati a Cattaneo, che pur non essendo d’accordo praticamente su nulla sulla questione del dopoguerra e dell’Italia da farsi, riescono tuttavia a collaborare efficacemente nel governo provvisorio: e che il dopoguerra fosse più complesso della guerra lo dimostrano i 22 (almeno) giornali politici che si stampavano a Milano poche settimane dopo il 22 marzo 1848. E c’è Mazzini naturalmente, che arriva tardi e cerca di formare la repubblica, ed anche Manzoni, che firma con mano tremante la petizione perché Carlo Alberto intervenga. E qui ci metto del mio, perché, se Monti avanza dei dubbi sulla “mano tremante” (altro topos operistico, comunque) di Manzoni, io credo che sia un effetto della malattia nervosa che lo tormentò per tutta la vita.
La specificità tuttavia del Quarantotto milanese fu l’immediata partecipazione popolare, che non ebbero altre rivoluzioni, ed episodi ben più celebri, come quello dei Mille di Garibaldi, acquistarono solo strada facendo, si conquistarono per così dire. Per questo, la parte più interessante però rimangono le testimonianze dei reduci, sparse qua e là nel testo e poi concentrate come documento alla fine. Monti ne segue la vita dopo le Cinque Giornate, per quanto possibile, e ci sono per lo più vite tranquille, modeste, borghesi diremmo oggi, spesso ritirate da ogni partecipazione politica. Questo accresce il fascino un po’ oleografico di quella lontana rivolta, a cui pur dobbiamo qualcosa se l’Italia, pur con tutti i suoi problemi e difficoltà, rimane un paese unito.

Recensione di Carlo Santulli






Recensioni ed articoli relativi a Antonio Monti

(1) Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti- Il Parere di PB

Testi di Antonio Monti pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Carlo Santulli

(1) Quei gran pezzi dell'Emilia Romagna di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini - RECENSIONE
(2) Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi- Il Parere di PB
(3) La gallina volante di Paola Mastrocola- Il Parere di PB
(4) Operazione Arca di Noè di Andrea Coco- Il Parere di PB
(5) Il castello incantato di Emiliano Grisostolo- Il Parere di PB
(6) Cassandra di Laura De Santis- Il Parere di PB
(7) Cuore e acciaio - estetica dell'animazione giapponese di Marcello Ghilardi- Il Parere di PB
(8) La nascita della bellezza - da Bruegel a Basquiat ritratti di un mondo segreto di Maria Grazia Mezzadri Cofano- Il Parere di PB
(9) Sia fatta la tua comicità. Paradise strips di Pietro Pancamo- Il Parere di PB
(10) Le parole e la pietra di Fabio Clerici- Il Parere di PB
(11) I traditi di cefalonia - la vicenda della divisione Acqui 1943-1944 di Paolo Paoletti- Il Parere di PB
(12) Alloggio vista mare di Cesarina Bo- Il Parere di PB
(13) Geules Noires (Musi Neri) di Monica Ferretti- Il Parere di PB
(14) Arca allo sbando? di Enrico Meloni- Il Parere di PB
(15) Damnati ad metalla di Loris Ferrari- Il Parere di PB
>>Continua (click here)


 

Altre recensioni:





-

dal 20-11-2004
VISITE: 10599


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.