Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    Versante Ripido è morto? (27/09/2018)    Arriva Solaris, e ci (ri) porta i capolavori della fantascienza russa (08/05/2018)    Dopo quindici anni, chiude la rivista Segreti di Pulcinella (ma resta il BLOG) (03/05/2018)    La biblioteca più alta del mondo (forse) (01/05/2018)    [23/10/2018] 3 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Un Museo senza pareti. Alla scoperta degli Ecomusei del Trentino scadenza 2018-10-26    Il Prete Bambino scadenza 2018-10-30    Socc'mel...che viaggio! scadenza 2018-10-31    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi     Delusione di Christian Bigiarini letto da Alberto Sannazzaro    RECENSIONI     Capelli struggenti di Franz Krauspenhaar     L’incredibile vicenda che portò Jack Lanarco a salvare l’iperspazio da fine certa di Vincenzo Trama     Polaroid di Davide Rocco Colacrai     Ce sto io … poi ce sta De Niro - Mario Brega Biografia di Ezio Cardarelli     Breve inventario di un’assenza di Michele Paoletti    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     Joseph Conrad ovvero il mare professionale     Apollo e Dafne: Quando il marmo diventa carne     L´horror psicologico di Michele Pastrello     ANTONIO ALTOMONTE «emblematico ricostruttore di perdute dimensioni».     Il mondo poetico del calabrese Rocco Nassi    Racconti     La Strega di Marco R. Capelli     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi     Semplicemente luce di Elisabetta Santirocchi     Testamento di Antonio Sacco    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Bookshop
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
32 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
8 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Il mio amico
di Luciano Urietti
Pubblicato su SITO



VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 5688
Media 79.7 %



IL MIO AMICO.
========================
di Luciano D. Urietti.


– Allora vecchio, ti decidi a cantare ! - ringhiò Ralf. Aveva afferrato James per il bavero della giacca, e lo scuoteva con forza, come se stesse scrollando un straccio. – Dicci dove diavolo nascondi i soldi prima che perda completamente la pazienza e dia fuoco a questa tua lurida catapecchia. – Ralf vibrò un pugno sul volto rugoso di James. Si udì un gemito, poi il naso del vecchio incominciò a sanguinare copiosamente. – Io … io non … … . - - Cerca di sbrigarti, puzzone ! Ora mi stai anche imbrattando con il tuo schifoso sangue di … … - - Ehi, Ralf, vieni a vedere. – urlò eccitato Dan, che non aveva fatto altro che rovistare per la stanza sin da quando erano arrivati. – Guarda che cosa ho trovato. – Ralf lasciò andare il bavero del vecchio che cadde al suolo con un secco rumore di ossa spezzate, a quell’età ogni urto violento poteva significare fratture sicure. Dan reggeva fra le mani una scatola metallica colma di verdi biglietti di banca. – Hai visto quanti sono ! ? ! Un vero tesoro ! - - Lo dicevo io che questo vecchio talpone si era fatto una fortuna mendicando per le vie della città. – disse Ralf mentre si riempiva le tasche con manciate di dollari. – Già, il povero ciecherello intenerisce il cuore e tutti sono disposti a dargli una piccola offerta. – continuò con un ghigno Dan. – Ora però il vecchierello farà un’offerta a noi due poveri orfanelli. – e così dicendo Ralf sferrò un calcio al corpo dell’anziano cieco che era rimasto raggomitolato a suolo. – Non è vero, pidocchioso ? ! ? – Ralf colpi ancora con violenza il corpo tremante sul pavimento. – Non hai voluto parlare cieco schifoso, ma noi abbiamo ugualmente trovato ciò che cercavamo. – ed ancora vibrò un terzo calcio allo stomaco dell’ anziano barbone. La bocca di James si aprì, quasi in un disperato tentativo di urlare, ma ne uscì solo un filo di sangue e bava. Si udì un lieve rantolo, infine il rosso sangue prese a gorgogliare dalla bocca andando a mischiarsi sul pavimento a quello che ancora gocciolava dal naso del vecchio.


James Marric ed io eravamo amici, due veri amici.
Non credo che troverò mai più un amico come James. Fra noi due vi era una profonda stima, una grande comunione spirituale; qualcosa di unico e di insostituibile.
Il fatto che io fossi un nottambulo e lui invece preferisse il giorno non aveva nessuna particolare importanza, la nostra è stata una vera amicizia sin da quando ci incontrammo per la prima volta tre anni fa circa.
Molti, quasi tutti mi hanno sempre stupidamente considerato ‘brutto’ , ‘spaventoso’, ed ‘orribile’; ma James no.
Lui non si fermava alle apparenze, per lui ciò che contava era qualcosa di più profondo e vero, per questo lui passava spesso lunghe ore in mia compagnia, a parlarmi, con gentilezza e comprensione, anche se io ero appena tornato da uno dei miei giri notturni ed ero semiaddormentato.
La mia vista non è mai stata molto buona, le mie abitudini serali non mi sono certo di aiuto in questo; eppure è stato proprio James, che era cieco, a farmi vedere quanto meraviglioso sia il mondo.
Si, James era un cieco che sapeva ‘vedere’ e ‘farmi vedere ‘ quanto stupenda sia la vita.
Ma ora James Marric è morto, vittima di un orribile omicidio.
Io sono tornato troppo tardi per poterlo aiutare. Rientrando a casa dal mio solito giro notturno ho trovato il suo povero corpo steso a terra senza più vita ed ho notato due ombre fuggire nella notte. Poi ho sentito dall’esterno il rumore di una moto allontanarsi di gran fretta.
Adesso che sono qui, di fronte al cadavere di James, mi rendo conto di aver mancato per poco i suoi assassini. Quei criminali sono fuggiti proprio mentre io rientravo a casa… quel rumore di motocicletta … … .
Se solo fossi arrivato un po’ prima … forse avrei potuto impedire …
Ma sarei veramente riuscito ad impedire questo delitto ?
Sarei davvero stato capace di difendere il mio amico ?
Io sono così debole. Il mio corpo è così esile, la mia vista così scarsa ed io sono così …diverso. Un senso di sgomento mi invade, mi sento così inutile, impotente.
Perché, perché non ho potuto aiutare il mio amico ? Sono una nullità.
E vorrei essere morto io al posto di James, io così buono a nulla, goffo; io con questo mio corpo così orribile e spaventoso.
Eppure qualcosa devo fare, non posso permettere che questo delitto rimanga impunito. Non posso permetterlo. Devo trovare gli assassini ad ogni costo.
Ci sarà pure una traccia, un indizio, qualcosa che mi conduca a loro.
Comincio a cercare, a frugare con lo sguardo in ogni angolo della stanza, a setacciare il luogo del delitto nella speranza di poter trovare qualche traccia che mi conduca a chi mi ha privato di quel mio grande, insostituibile, amico.
Ma non trovo niente, non vedo niente. La mia vista è debole e poi ora, a causa dell’emozione, gli occhi mi si appannano.
Di nuovo sto per abbandonarmi allo sconforto della mia nullità. I miei stanchi occhi si velano di pianto, mi sento sconfitto ed umiliato.
Poi improvviso ricordo un rumore … come un tuono … e subito un lampo illumina le tenebre della mia mente. Ecco: è quello che cercavo. E’ quella l’unica traccia di cui dispongo.




Il rumore di una motocicletta lacera il buio della notte … … .
Ecco ciò che cercavo. Ho ritrovato la traccia.
Ci sono voluti giorni e giorni di ricerca, ma ora ne sono sicuro. Quella è la traccia.
Il mio udito è infallibile. Su quella moto viaggiano gli assassini del mio amico James.
Potrei distinguere quel rumore fra altri mille, potrei riconoscere le vibrazioni di quel suono anche se fosse immerso in mille altri suoni.
Ed allora mi avvento veloce. Il mio udito mi ha confermato: gli assassini di James viaggiano su quella grossa, rombante moto.
Sono sempre stato molto orgoglioso della mia capacità di udire, di cogliere ogni più piccolo rumore, di registralo nella mente.
Questa mia capacità va ben oltre l’umano, quasi una compensazione alla mia vista difettosa.
Per giorni e giorni ho riascoltato dentro di me quel rumore; la mia unica traccia.
Ora quel rumore è qui: sale lungo le fredde pareti della notte.
La luna esce da dietro alle nuvole e riesco a vedere chi viaggia su quella motocicletta: due giovinastri con lunghi capelli e giubbotti di pelle. Ancora non si sono accorti di me.
E come potrebbero ? Io so essere furtivo come un fantasma. Sin dalla mia infanzia sono sempre andato in giro di notte. Nessuno meglio di me ne conosce le ombre, le brezze, i respiri. La notte mi è sempre stata amica e per me non ha segreti.
Nessuno meglio di me sa cogliere l’istante buio in cui la luna si tuffa fra le nuvole nere per colpire.
Ora. Veloce, sicuro, con tutto l’odio di cui sono capace, mi lancio su di loro e trafiggo.
I miei artigli entrano negli occhi del giovane alla guida della moto e ne strappano i bulbi oculari.
Un urlo alto, disperato, bestiale e poi la moto esce di strada e precipita nella scarpata a tutta velocità, trascinando con se quei due maniaci assassini.
Qualche attimo dopo uno scoppio scuote le pareti della notte, colpendomi con violenza.
E subito si levano livide fiamme dal fondo della scarpata. E’ fatta.
James Marric, il mio caro amico è stato vendicato. Posso essere orgoglioso di me, ho usato molto bene l’unica mia grande qualità: l’udito.
Anche James lo diceva sempre: ‘ per i ciechi e per i pipistrelli l’udito è tutto ’.
La luna è ricomparsa ed illumina il mio lento volare proiettando al suolo la mia ombra:
l’ombra di un pipistrello ora stanco e solo. Per sempre solo.


Fine.

© Luciano Urietti



Recensioni ed articoli relativi a Luciano Urietti

Nessun record trovato

Testi di Luciano Urietti pubblicati su Progetto Babele

(1) Due gocce d'acqua... di Luciano Urietti - RACCONTO
(2) Il mio amico di Luciano Urietti - RACCONTO
(3) Una questione di cuore di Luciano Urietti - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2008-03-06
VISITE: 11946


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.