Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Pagina ufficiale Facebook Pagina ufficiale Youtube Pagina ufficiale Instagram Pagina ufficiale Linkedin Gruppo Telegram Whatsapp Community
TeleScrivente:    Gordiano Lupi recensisce: Per difendersi dagli scorpioni di Fernando Sorrentino (29/09/2023)    31 amici per un progetto corale (17/09/2023)    Il foglio letterario. PROGRAMMA 23 Maggio – 11 Giugno (23/05/2023)    [05/03/2024] 1 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    PREMIO STESICORO scadenza 2024-03-15    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    premio alla carriera Stesicoro 2024 - evento II edizione (EVENTO 2024-03-15)    AUDIOLIBRI     I decapitati di Francesco Ciriòlo letto da Alessandro Corsi     Il profumo dell'estate di Cinzia Baldini letto da Alessandro Corsi     Capitolo 6 - La perla di Labuan di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 5 - Fuga e Delirio di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 4 - Tigri e leopardi di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI     Billy Summer di Stephen King    Il nome di Abel di Andrea Meli     Come mio fratello di Uwe Timm     Sul margine di Maria Allo     Prove per atto unico di Maria Benedetta Cerro    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Ardengo Soffici e il Fascismo     Ezra Pound: una breve nota     La poesia patriottica nel Romanticismo italiano     L’immanenza dell’incarnazione nella poesia di Mario Luzi     La storia alimentare di Porto San Giorgio, tra folklore, letteratura e testimonianze Di Edoardo Mistretta    Racconti     La luna blu di Alessandro Abate     I decapitati di Francesco Ciriòlo     Sara y la Facultad di Jorge edgardo López     L'intervista di Cinzia Baldini     Il temporale di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Shakespeare, William (1564-1616)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     In punta di piedi di Paola Ceccotti     Lux di Alessio Romanini     Respiro di Valeria Vecchi     Stanno le cose di Teodoro De Cesare     Madre di Davide Stocovaz    Cinema     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller    Musica     I Inside The Old Year Dying (2023) - PJ Harvey     La moglie in bianco … la Compilation al pepe (2023) - Diego Pavesi     RökFlöte (2023) - Jethro Tull    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Facebook
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
15 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
21 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

La lingua "Sanfratellana"
di Cinzia Baldini
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 1026
Media 80.87%



La lingua

Disteso sui Monti Nebrodi a ridosso della costa tirrenica, da cui lo separa un dislivello di circa 640 metri,  più o meno equidistante da Messina (di cui fa provincia) e Palermo, sonnecchia il paese di San Fratello. Per risalire alle origini di questa cittadina bisogna riportare notevolmente indietro le lancette dell’orologio del tempo. Alcuni studiosi, sull’omonimo monte situato a circa un chilometro dall’attuale centro abitato presumono di aver individuato l’antica acropoli dell’insediamento greco che costituiva la città di Apollonia da cui San Fratello sembrerebbe discendere.

La denominazione odierna gli deriverebbe dal nome di uno dei tre santi fratelli Alfio, Filadelfo (alterato in Filadelfio) e Cirino martirizzati sotto il dominio dell’imperatore Valeriano nel 312 d.c.  L’etimologia greca del nome Filadelfo infatti è “colui che ama il fratello” per cui l’evoluzione da San Filadelfo a San Fratello sarebbe stata quasi naturale.

Dopo l’anno mille le truppe di Ruggero I re dei Normanni e della sua terza moglie, Adelasia di Monferrato, giunsero per la conquista della Sicilia, sui Nebrodi. Al loro seguito c’era una comunità di Longobardi che decise di stabilirsi proprio in quel luogo. La convivenza pacifica con i locali di etnia greca contribuì alla crescita della neonata colonia.

La creazione di queste colonie “normanne” serviva da deterrente per eventuali attacchi portati dagli Arabi dal versante marino del Tirreno. Come per il resto della Sicilia, anche a San Fratello i Normanni diedero una notevole spinta alla nascita di una fiorente agricoltura, un forte incremento del commercio e la arricchirono di preziosi capolavori artistici.

Del loro passaggio resta, in questa solare cittadina, il Convento con il Chiostro decorato di affreschi cinquecenteschi e la piccola chiesa dedicata ai tre Santi Fratelli arroccata sulla sommità del Monte San Fratello, affettuosamente chiamato dai residenti Monte Vecchio, e la nascita del cavallo Sanfratellano.  Da alcuni autori è riportato infatti che questa razza particolare, di carattere docile e di costituzione forte e robusta sia stata introdotta nei boschi di San Fratello dai Normanni che li usavano come cavalli da battaglia, da altri autori invece si ritiene che la razza sia quella stanziale, originale siciliana.

Ondate successive di “migranti” costituiti da agricoltori e braccianti originari del Monferrato, della Liguria, del Piemonte e del Veneto, richiamati dalla promessa di terre da coltivare, rafforzarono il primo insediamento. In seguito con la crescita dell’economia San Fratello divenne un vero e proprio paese in cui le varie razze si amalgamarono alla perfezione e fecero propria e unica tradizione dei differenti usi, costumi nonché gli idiomi. Infatti la caratteristica più evidente e sorprendente lasciata dal dominio Normanno resta di sicuro il linguaggio che da 800 anni la popolazione di San Fratello ha adottato come lingua madre.

Dagli studiosi più accreditati viene definita una lingua gallo-italica riprendendo il termine latino che identificava i territori del Nord Italia quali Piemonte, Veneto, Lombardia ed Emilia Romagna come Gallia Cisalpina o “togata” e la parte francese abitata dai Normanni che costituiva la Gallia vera e propria, abitata dalle popolazioni Celtiche continentali: i Galli. Ed il termine Italico a sottolineare le colonie fondate dai Normanni e dai Longobardi in Italia. Pertanto il gallo-italico nonostante sia il risultato della commistione di vari idiomi può essere considerato non un dialetto ma una lingua romanza e perciò una lingua storica a tutti gli effetti. Essa si è mantenuta “pura” sino ai nostri giorni senza subire le contaminazioni che in altre parti dell’isola si sono avute ad opera del tradizionale e predominante dialetto siciliano. La lingua Sanfratellana è tutt’oggi una lingua che si evolve rapidamente con i tempi, assorbe i neologismi della lingua italiana ed i termini stranieri, li rielabora nella fonetica e nella tipica cadenza  e li introduce nel suo vocabolario, così come ha fatto anche nei secoli precedenti. Il risultato è quello di una lingua musicale, moderna, agile e viva ma per le orecchie dei non residenti è una vera e propria lingua straniera.

Non ci credete? Un piccolo assaggio con un po’ di saggezza popolare:

Chi hiéa tamp n’aspièta tamp
Chi ha tempo non aspetti tempo

N’ fer u päss cchiù dàungh d-la ièma
Non fare il passo più lungo della gamba

N’ s pà fer d tutta d’èrba ‘n fesc
Non si può fare di tutta l’erba un fascio.

D’èua d’Auòst mott uoli, mièu e muòst
La pioggia d’agosto porta olio, miele e mosto.

A cura di Cinzia Baldini



Recensioni ed articoli relativi a Cinzia Baldini

(0) Semplicemente donna di Cinzia Baldini - RECENSIONE
(1) Non Nobis Domine - I custodi della verità di Cinzia Baldini e Simone Draghetti - RECENSIONE
(2) Il veleno di Circe di Cinzia Baldini e Michele Zefferino - RECENSIONE
(3) Semplicemente Donna di Cinzia Baldini - RECENSIONE
(4) Semplicemente Donna di Cinzia Baldini - RECENSIONE

Testi di Cinzia Baldini pubblicati su Progetto Babele

(1) L'intervista di Cinzia Baldini - RACCONTO
(2) Il sospetto di Cinzia Baldini - RACCONTO
(3) L’eredità di Cinzia Baldini - RACCONTO
(4) Una vita da bipolare di Paola Gentili - RECENSIONE
(5) La bestia di Cinzia Baldini - RACCONTO
(6) Via crucis po-polare di Cinzia Baldini - RACCONTO
(7) La roulette di Cinzia Baldini - RACCONTO
(8) Il mostro di Cinzia Baldini - RACCONTO
(9) In nome della legge di Cinzia Baldini - RACCONTO
(10) Il temporale di Cinzia Baldini - RACCONTO


>>ARCHIVIO ARTICOLI

> >>Inserimenti precedenti al 2007
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB







-

dal 2016-06-23
VISITE: 10.658


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2016 - Privacy & Trattamento dati personali