Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    Progetto Babele Speciale Autunno 2021 - Ora disponibile in formato cartaceo (20/10/2021)    Foglio Letterario n.21 ON LINE - AUTUNNO DEI LIBRI (13/10/2021)    PB AUDIOLIBRI Presenta Incendio nell'oliveto di Grazia Deledda (10/10/2021)    Progetto Babele 7 di nuovo disponibile in formato cartaceo (30/08/2021)    [24/10/2021] 4 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    LA VOCE DEI LUOGHI scadenza 2021-10-26    Luigina Parodi 2021 - X Edizione scadenza 2021-10-29    VICTORIA 3.0 Premio Letterario scadenza 2021-10-31    "I Versi non scritti" scadenza 2021-10-31    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Il vecchio della montagna - Capitolo 01 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 03 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 02 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 04 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 05 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Strani amori di Barbara Becheroni     L’aritmetica del noi di Paquito Catanzaro     Non muoiono le api di Natalia Guerrieri     Pasolini - L’uomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan     Una vita da bipolare di Paola Gentili    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Maurizio Salabelle (1959-2003) La narrativa italiana nel segno del surreale     Il vecchio della montagna     Poesia e videopoesia nel mondo contemporaneo.     Il preromanticismo e l’inizio del romanticismo in Germania     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo    Racconti     Che cosa leggiamo domani? di Massimiliano Scorza     La mia intervista impossibile di Gianluigi Redaelli     La svolta di Barbara di Jacob Von bergstein     La roulette di Cinzia Baldini     Trapianto di Carlotta Reboni    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     Ritornerà? di Elisa Negri     Sono qui di Elisa Negri     Biglie di Marco Pataracchia     Nelle mie terre di Marco Pataracchia     Paura di volare- di Catia Capobianchi    Cinema     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock    Musica     Le rose e il deserto, un progetto artistico di Luca Cassano che nasce da Pisa (2021) - Luca Cassano     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Facebook
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
13 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
41 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Dio è distratto
di Gianluca Liguori
Pubblicato su SITO


Anno 2008 - Nicola Pesce Editore
Prezzo € 9,90 - 198 pp.
ISBN 9788897141433

Una recensione di Gordiano Lupi
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 1606
Media 78.83 %



Dio è distratto

Gianluca Liguori è uno scrittore vero. Me ne sono reso conto leggendo il suo racconto di apertura contenuto nell’antologia collettiva Il cagnolino ride, edita da Tespi. Il breve testo, molto autobiografico, tipico dello scrittore che vuole solo di raccontare se stesso e il mondo che ruota attorno alla sua esigenza creativa, mi ha fatto venir voglia di approfondire la conoscenza del giovane autore. Ho scritto a Nicola Pesce e mi sono fatto mandare Dio è distratto, felice romanzo d’esordio che Liguori scrive a soli ventidue anni. La sola cosa sbagliata del libro è la postfazione di Vincenzo Sparagna che avrei evitato di pubblicare. Il fondatore di Frigidaire - che non finiremo mai di ringraziare per l’originalità della sua opera - è un autore importante per Liguori, ma Sparagna invece di mettere in luce le cose buone del romanzo, elenca soltanto i difetti. Non è certo il modo migliore per incoraggiare un giovane di talento.

Dio è distratto ci presenta un autore che può fare grandi cose se riuscirà a liberarsi della voglia estrema di raccontare solo se stesso e se comincerà a lavorare su trame e soggetti. Non voglio fare di Liguori un narratore di genere, ce ne sono fin troppi e onestamente credo che servano a poco. Vorrei soltanto vederlo all’opera con un racconto che abbia uno sviluppo logico e che sia impostato per narrare una storia. Credo proprio che questo ragazzo potrebbe darci delle sorprese.

Veniamo al non romanzo d’esordio, che Liguori scrive - e questo mi fa un grande piacere! - in contrasto a ogni regola di scrittura creativa, mettendo un se stesso scrittore nei panni del protagonista. Da ogni pagina debordano i suoi miti letterari: Bukowski, Fante, Celine, Pasolini, Kerouac, Rimbaud, Baudelaire, ma anche le canzoni di Rino Gaetano e di Fabrizio de Andrè. Mi stupisco soltanto nel rendermi conto che si tratta dei miti della mia generazione. Cos’è accaduto negli anni Ottanta, se i ragazzi del 2000 sognano ancora tuffandosi nel passato e accarezzando i nostri stessi sogni?

I racconti di Liguori non sono legati da un filo logico coerente, ma le cose migliori vengono fuori quando meno te le aspetti, tra una sbronza e l’altra, tra un amore fallito e una speranza che sboccia, in un sottofondo composto da istanze di suicidio e voglia di rassegnazione. Scrivere è la sola cosa che conta. Tutto il resto è inutile. Liguori crede nel potere salvifico della letteratura, vista come resistenza e come vita vera contrapposta alla non vita della televisione e dei falsi miti contemporanei. Ore ammazzate davanti al televisore, il verbo è apparire: la scatola è verità sacrosanta, verità assoluta. Non esiste sostanza, non esiste individuo. Si lavora, si mangia, si guarda la televisione, si fanno i figli e si muore. Mica è poco. Vorrei far leggere Dio è distratto ai soloni che pontificano sulla leggerezza dei giovani, sui bamboccioni e sulla generazione allo sbando. Voi siete allo sbando, signori. Voi che siete rimasti senza ideali e che vivete per comprare il prossimo paio di Nike. Non i giovani. Non tutti i giovani. E ancora: C’è chi dovrebbe riflettere di più e chi di meno, non c’è alcun giusto equilibrio; quelli che capiscono e pensano sono sempre di numero inferiore, mentre è straripante la stupidità della massa informe, la massa identica che lavora, guarda la televisione e muore. Concludo citando una stupenda descrizione sentimentale di Roma, città di arrivo per Liguori, che trova lungo antiche strade il luogo adatto per dare via libera alla scrittura. Faceva caldo, il Tevere verde scorreva tacito come da millenni di storia verso il mare, verso dio, verso l’infinito. Roma quasi abbandonata, Roma troppo bella. Roma colpevole di alcuni miei peccati, Roma avara di felicità. Roma che giudica, Roma che disperde. Roma che fa male, Roma che si ama. Roma… chissà. Mi fermo perché c’è così tanta poesia nel libro di Liguori che mi verrebbe voglia di citarlo tutto. Tenete presente che Dio è distratto è un romanzo importante non tanto per le cose che dice, ma per come le dice. Il significante supera il significato, una volta tanto. Ed è bellissimo perdersi dietro le parole di uno scrittore che vuole scrivere solo di dolori, paure, sconfitte, canti disperati, pene, patimenti e tribolazioni. Plauso finale per il piccolo editore. Il libro non presenta refusi di sorta, è stampato in ottima veste tipografica e viene venduto al prezzo stracciato di dieci euro. Al posto dell’ultima boiata di Faletti o dell’ennesimo inutile Premio Strega pompato dai media, leggete Liguori. Risparmiate denaro e vi resta dentro qualcosa. 


Una recensione di Gordiano Lupi






Recensioni ed articoli relativi a Gianluca Liguori

(1) Dio è distratto di Gianluca Liguori - RECENSIONE

Testi di Gianluca Liguori pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Gordiano Lupi

(3) L’aritmetica del noi di Paquito Catanzaro - RECENSIONE
(4) Non muoiono le api di Natalia Guerrieri - RECENSIONE
(5) Pasolini - L’uomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan - RECENSIONE
(6) Volevo essere un supereroe della Marvel – vol. 1 di Matsuteia ed E.T.A. Egeskov - RECENSIONE
(7) Rintocchi di clessidra di Alessandro Del Gaudio - RECENSIONE
(8) Raúl Castro di Domenico Vecchioni - RECENSIONE
(9) La fata nel vento e altri racconti in rosso di Francesca Montomoli - RECENSIONE
(10) Undici Metri - Storie di rigore di Cristian Vitali e Maurizio Targa - RECENSIONE
(11) Italia arcobaleno - Luoghi, personaggi e itinerari storico - culturali LGBT di Giovanni Dall’Orto – Massimo Basili - RECENSIONE
(12) Il cinema horror italiano 1970 - 1990 di Federico Tadolini - RECENSIONE
(13) Io, Daniela di Daniela Giordano - RECENSIONE
(14) L’alba dello scudetto di Simone Manservisi - RECENSIONE
(16) La piccola cineteca degli orrori di Manlio Gomarasca e Davide Pulici - RECENSIONE
(17) Ore Piccole di Gordiano Lupi - RECENSIONE
(18) Il Maradagàl, una rivista oltre le mode di Gordiano Lupi - RECENSIONE
>>Continua (click here)


 

Altre recensioni:






-

dal 2014-10-22
VISITE: 2205


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali