Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Pagina ufficiale Facebook Pagina ufficiale Youtube Pagina ufficiale Instagram Pagina ufficiale Linkedin Gruppo Telegram Whatsapp Community
TeleScrivente:    Gordiano Lupi recensisce: Per difendersi dagli scorpioni di Fernando Sorrentino (29/09/2023)    31 amici per un progetto corale (17/09/2023)    Il foglio letterario. PROGRAMMA 23 Maggio – 11 Giugno (23/05/2023)    [16/04/2024] 1 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Concorso Letterario Thriller Café scadenza 2024-04-28    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    Orizzonti d'Arte - Bi-Personale delle Artiste Giuliana Griselli e Maria Pia Mucci (EVENTO 2024-04-27)    Padova, al via l’Aperyshow: attese centomila presenze per il charity event - L’evento di solidarietà più famoso d’Italia torna dal 24 al 28 aprile con un’edizione spettacolare ad Arsego, nel Padovano: oltre 300 artisti nazional (EVENTO 2024-04-28)    AUDIOLIBRI     I decapitati di Francesco Ciriòlo letto da Alessandro Corsi     Il profumo dell'estate di Cinzia Baldini letto da Alessandro Corsi     Capitolo 6 - La perla di Labuan di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 5 - Fuga e Delirio di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 4 - Tigri e leopardi di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI     Billy Summer di Stephen King    Il nome di Abel di Andrea Meli     Rasella: storia di una bomba di Chiara Castagna    La famiglia Manzoni di Natalia Ginzburg     Prossimità e lontananza di Elio Scarciglia    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Il paese invisibile e il passo per inventarlo di Roberto Marcòni: un percorso attraverso lo spirito del paesaggio     Ardengo Soffici e il Fascismo     Ezra Pound: una breve nota     La poesia patriottica nel Romanticismo italiano     L’immanenza dell’incarnazione nella poesia di Mario Luzi    Racconti     Mia moglie ti dirà che è tutta colpa della pandemia di Giuseppe Crispino     La luna blu di Alessandro Abate     I decapitati di Francesco Ciriòlo     Sara y la Facultad di Jorge edgardo López     L'intervista di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Shakespeare, William (1564-1616)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     In punta di piedi di Paola Ceccotti     Lux di Alessio Romanini     Respiro di Valeria Vecchi     Stanno le cose di Teodoro De Cesare     Madre di Davide Stocovaz    Cinema     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller    Musica    I Inside The Old Year Dying (2023) - PJ Harvey    La moglie in bianco … la Compilation al pepe (2023) - Diego Pavesi     RökFlöte (2023) - Jethro Tull    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus

Le Vendicatrici
Le Vendicatrici
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
14 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
7 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
26 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

La carovana Zanardelli
di Giuseppe Lupo
Pubblicato su SITO


Anno 2008- Marsilio
Prezzo € 8,00- 219pp.
ISBN 9788831794206

Una recensione di Maria Pina Ciancio
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 12
Media 85.83%



La carovana Zanardelli

Il viaggio trionfale del Presidente del Consiglio tra speranze e amarezze nella Basilicata di inizio Novecento

E’ un romanzo corale e coreografico quest’ultimo di Giuseppe Lupo, una narrazione ironica fatta di documenti e favole, di realtà e finzione, di fatti pubblici e privati. Dopo “L’Americano di Celenne” e “Ballo ad Agropinto”, lo scrittore lucano di Atella ritorna nelle librerie con un nuovo romanzo epico e picaresco La carovana Zanardelli, un affresco storico della realtà lucana del secolo scorso. Il famoso viaggio-inchiesta del Presidente del Consiglio Giuseppe Zanardelli nella Basilicata del 1902. Un’avventura durata ben dodici giorni, dal 17 al 30 settembre, in un itinerario che si snoda lungo le cittadine lucane di Lagonegro, Moliterno, Corleto Perticara, Stigliano, Montalbano, Matera, Rionero in Vulture, Potenza (con l’eccezione di un’unica tappa fuori regione a Taranto).
Lo scenario in cui si muove la narrazione è da Far West, in un labirinto di monti e di coscienze, di povertà e miseria, a cui fanno da sfondo una fitta schiera di figuranti, giocolieri, saltimbanchi e teatranti.
La carovana dello Statista, partita da Roma e accompagnata da una scorta di burocrati, cronisti, medici e fotografi, viaggia in quest’atmosfera resa trionfale e surreale dalla grandezza e dalla straordinarietà dell’evento (unico in Basilicata!) e che renderà popolare il Primo Ministro tra le comunità locali.
“Quando vi dissi che questo viaggio dell’onorevole Zanardelli andava assumendo il carattere di un viaggio trionfale non esagerai , né volli usare una delle solite frasi retoriche che si usa rimettere a nuovo in queste occasioni.” –scriveva nei suoi appunti il cronista Sestini- “Dissi il vero, con sincerità pari a quella che muove queste buone e semplici popolazioni a eternare il loro reverente affetto verso chi dimostra di voler essere loro amico sul serio, e non soltanto a parole, ma col fermo intendimento di venire in soccorso alle tristi condizioni…”.
Un viaggio dalle mille e una notte, che fin dalle prima tappe si trasforma in un’avventura surreale, a bordo di carrozze e un convoglio ferroviario (lo Chavorlain o Cavallo Nero), tra argille assolate, paesi arroccati sui cocuzzoli, le piane ancora malariche del metapontino. Luoghi in cui lo Statista assiste e una vera e propria passerella elettorale, fatta di richieste che aumentavano a dismisura –strade, ferrovie, acquedotti, fognature- ma non solo, le istanze si facevano giorno dopo giorno sempre più disparate: c’era addirittura chi aveva in mente una stazione per mongolfiere in mezzo ai calanchi di Armento, chi un aggeggio di ferro come il ponte di Brooklyn per attraversare l’Agri, chi una ferrovia sopraelevata che percorresse alata alta la valle del Sauro. Il Presidente ascoltava e annotava sul quaderno, mentre veniva accolto fra i balconi imbandierati come Cristoforo Colombo al ritorno dalle Americhe, tra lanci di margherite, fuochi d’artificio, applausi, fanfare. Un santo insomma. In mezzo a quella cornice Zanardelli, ormai ultra settantenne, provò l’ebbrezza di sentirsi immortale.
Ma è proprio in questo clima goliardico e trionfale, che qualcuno preparava complotti, scriveva messaggi cifrati, sguinzagliava spie. A Matera si temettero possibili disordini da parte di gruppi anarchici e socialisti, ma “Zanardelli non seppe mai che qualcuno si fosse firmato a suo nome, così come non si accorse di altre cose che si inabissarono nei silenzi del viaggio: parole non pronunciate, progetti finiti nella polvere, sogni falliti. Era sfiorato dal dubbio che in quelle settimane si stese recitando una commedia…”.
Protezione, calore umano, attenzioni e cure particolari, sembrarono però non bastare a sufficienza. Nelle ultime tappe del viaggio, da Matera a Potenza, lo stato di salute del Presidente cominciò a cambiare, ad essere duramente provato dalle fatiche del viaggio, che da gita trionfale si trasformò quasi in un malinconico pellegrinaggio (la passio non rivelata di una misteriosa via Crucis). Sembrò infatti che il Ministro si fosse sottoposto ad un’impresa più grande di quella che potevano sostenere le sue forze, e anche in quell’occasione non mancò chi lo credette addirittura prigioniero di un maleficio o del malocchio.
Dopo 12 giorni di viaggio, stanco e pallido, a termine della sua alta e ineguagliabile missione, Zanardelli rientrò a Roma lasciandosi alle spalle una terra povera, arcaica e lontana, ma nuovamente fiduciosa e piena di speranze. Prima della partenza “Zanardelli aveva lo sguardo di chi osserva per l’ultima volta un luogo che l’ha reso felice. Era pallido e dimagrito, reggeva a fatica il pacco dei memorandum accumulati durante il viaggio ed ebbe appena il tempo di sussurrare al cavalier Negromante: -Ce ne stiamo andando con la sensazione di aver visto una terra che non esiste”.
Quel viaggio-evento tanto atteso e sognato in Basilicata, fu però troncato sul nascere e destinato ad essere rimpianto prima del tempo. Zanardelli moriva esattamente due mesi dopo il viaggio nel sud Italia e tutta la Basilicata ne celebrò il lutto con la bandiera a mezz’asta. La legge speciale per il mezzogiorno che porta il suo nome fu varata due anni dopo la sua scomparsa, ma il “miracolo” che avrebbe dovuto e potuto strappare quelle terre del sud alla miseria e all’abbandono, non avvenne. La questione meridionale rimase aperta: le speranze e la delusione si susseguirono in maniera troppo rapida e il viaggio di “Zanardelli” rimase solo un sogno irrealizzato.
La Carovana Zanardelli è un libro costellato di numerosi personaggi e comparse minori. Colpisce la maestria con cui l’autore riesce a plasmare le figure che ruotano intorno ai protagonisti principali. Come ciascuno di essi riesca a ritagliarsi un ruolo importante all’interno della narrazione, siano essi testimoni dei fatti, come Tino Robilante e Negromante, o presenze istituzionali come Pietro Lacava e Giustino Fortunato, o semplici comparse. Tutti però tessono una tela di vicende e rapporti, sui fatti e gli eventi che sostengono l’intreccio della narrazione. Un caleidoscopio di situazioni in cui non spicca un protagonista, ma un coro di voci più alto e più vasto.


Una recensione di Maria Pina Ciancio



Recensioni ed articoli relativi a Giuseppe Lupo

(0) La carovana Zanardelli di Giuseppe Lupo - RECENSIONE
(1) Ballo ad Agropinto di Giuseppe Lupo - RECENSIONE
(2) L’americano di Celenne di Giuseppe Lupo - RECENSIONE

Recensioni ed articoli relativi a Giuseppe Lupo

(0) La carovana Zanardelli di Giuseppe Lupo - RECENSIONE
(1) Ballo ad Agropinto di Giuseppe Lupo - RECENSIONE
(2) L’americano di Celenne di Giuseppe Lupo - RECENSIONE

Recensioni ed articoli relativi a Maria Pina Ciancio

(0) La ragazza con la valigia di Maria Pina Ciancio - RECENSIONE

Altre recensioni di Maria Pina Ciancio

(1) Il leggero transito delle parole di Griselda Doka - RECENSIONE
(2) Prove per atto unico di Maria Benedetta Cerro - RECENSIONE
(3) Fenomenologia del silenzio di Anna Rita Merico - RECENSIONE
(4) L’intero senso di Rossella Tempesta - RECENSIONE
(5) Itinerario della mente verso Thomas Bernhard di Martino Ciano - RECENSIONE
(6) Sul margine di Maria Allo - RECENSIONE
(7) La cura degli assenti di Margherita Rimi - RECENSIONE
(8) Poesie novissime di Francisco Soriano - RECENSIONE
(9) Luoghi sospesi di Anna Maria Ferramosca - RECENSIONE
(10) Fratture da comporre di Antonio Spagnuolo - RECENSIONE
>>Continua (click here)

Altre recensioni:




-

dal 2023-05-21
VISITE: 253


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2016 - Privacy & Trattamento dati personali