Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Pagina ufficiale Facebook Pagina ufficiale Youtube Pagina ufficiale Instagram Pagina ufficiale Linkedin Gruppo Telegram Whatsapp Community
TeleScrivente:    Progetto Babele: Collaboratori cercasi! (21/05/2024)    Gordiano Lupi recensisce: Per difendersi dagli scorpioni di Fernando Sorrentino (29/09/2023)    31 amici per un progetto corale (17/09/2023)    [24/05/2024] 2 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Città di Cava de’ Tirreni scadenza 2024-05-24    Lago Gerundo scadenza 2024-05-31    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    JAZZINSIEME 2024 PORDENONE SI TINGE DI JAZZ - JAZZINSIEME 2024 Dal 23 Maggio al 2 Giugno il centro di Pordenone, special guest l'inedito trio Calderazzo, Patitucci, Weckl (EVENTO 2024-06-02)    AUDIOLIBRI     I decapitati di Francesco Ciriòlo letto da Alessandro Corsi     Il profumo dell'estate di Cinzia Baldini letto da Alessandro Corsi     Capitolo 6 - La perla di Labuan di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 5 - Fuga e Delirio di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 4 - Tigri e leopardi di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI     Billy Summer di Stephen King    Il nome di Abel di Andrea Meli     Gli ultimi eroi di Guido Morselli     Poscienza di Roberto Maggiani     Rasella: storia di una bomba di Chiara Castagna    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Vampiri: una storia senza fine     I memorialisti e gli storici del Romanticismo italiano     Carmilla     John Polidori & George Gordon Byron - Biografie allo specchio     Il paese invisibile e il passo per inventarlo di Roberto Marcòni: un percorso attraverso lo spirito del paesaggio    Racconti     Mia moglie ti dirà che è tutta colpa della pandemia di Giuseppe Crispino     La luna blu di Alessandro Abate     I decapitati di Francesco Ciriòlo     Sara y la Facultad di Jorge edgardo López     L'intervista di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Shakespeare, William (1564-1616)     Le Fanu, Joseph Sheridan (1814-1873)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     In punta di piedi di Paola Ceccotti     Lux di Alessio Romanini     Respiro di Valeria Vecchi     Stanno le cose di Teodoro De Cesare     Madre di Davide Stocovaz    Cinema     Dracula di Bram Stoker (USA 1992) regia di Francis Ford Coppola     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana    Musica    I Inside The Old Year Dying (2023) - PJ Harvey    La moglie in bianco … la Compilation al pepe (2023) - Diego Pavesi     RökFlöte (2023) - Jethro Tull    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Bookshop
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
16 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
4 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
14 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Sul margine
di Maria Allo
Pubblicato su SITO


Anno 2023- Interno Libri
Prezzo € 13,00- 92pp.
ISBN 9791280138262

Una recensione di Maria Pina Ciancio
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 284
Media 79.3%



 Sul margine

Ho il peso dei sogni nelle mani
e il fuoco sulla terra
(Maria Allo)

L’ultimo libro di Maria Allo, ‘Sul margine’, è uscito poche settimane fa per le preziose Edizioni di Interno Poesia (nella collana Interno Libri), con prefazione della scrittrice Franca Alaimo. Maria Allo è docente, poeta e traduttrice, fortemente impegnata dal punto di vista culturale, sia nell’ambito della ricerca poetica personale, sia  nella valorizzazione della poesia contemporanea, soprattutto quella greca di cui è traduttrice. 

Quest’ultimo libro, di ottantotto pagine, si divide in tre sezioni: Carte sparse, C’è come un dolore, Frammenti, Resistenza; nella seconda sezione i testi poetici sono intervallati anche da piccole prose. 

Come nei precedenti lavori, è possibile rinvenire nella materia poetica dei suoi versi numerosi riferimenti alla Sicilia e in particolar modo all’area etnea e del catanese, dove la scrittrice risiede. Area geografica che ha dato i natali al grande scrittore Giuseppe Verga e scenario privilegiato dei Malavoglia ‘Ntoni acquista a credito un carico di lupini da vendere alla fiera dei Morti di Riposto’.

Si sente in tutta la silloge un legame indissolubile con la terra, una terra incisiva dai forti contrasti, dove domina il mare, ma anche il vulcano e la vegetazione mantiene la sua essenza selvatica. Dunque, un’isola di acqua, terra e fuoco, che è madre, a tratti accogliente, a tratti severa. 

In questo scenario nasce e si compie la poesia di Maria Allo, che traspone nei suoi versi  il malessere esistenziale dell’uomo contemporaneo, affrontando la solitudine e l'angoscia che minacciano l'esistenza, la precarietà umana assillata dal tempo che passa inesorabile. 

“Tra noi ardono falesie chiodate/ trappole sul petto e una sola via/ scorre in verticale mentre cresce/ la contraddizione condivisa” (p.20);

“Impariamo da soli con questi corpi/ rappresi alle vertebre/ i dettagli dei nostri abissi/ rivelano chi siamo/ ombre incustodite  tra atomi dispersi/ cardi smemorati sul pendio” (p.23)

Il linguaggio, a tratti aspro e contratto, ma sempre vorticoso e in costante tensione, è come se risentisse di questa sofferenza e della fatica di questo scavo interiore. L’uso della metafora e di tutta un’ampia gamma di figure retoriche, le consente di creare immagini di forte carica espressiva, con traiettorie interpretative sconfinate.

Ciò che colpisce sono i legami e le correlazioni con gli elementi che la circondano, soprattutto l’ampio corollario di vegetali (betulle, ciclamini, ortiche, asfodeli, boschi, mandorli in fiore, magnolie e radici) che diventano simboli, presenze sostitutive o in accordo con i suoi stati d’animo. Una natura che non è esteriore o contemplata dunque, ma in un rapporto di fusione viscerale con l’autrice, carica di energia e di forza vitale, fertile e creativa, nutriente e rigogliosa, e che racchiude in sé sia i caratteri poetici di grembo materno che accoglie la vita e la nutre, sia quelle più concrete della costanza, della pazienza, della forza.

“Vedi la pomelia/ pulsa con forza/ più intensamente della terra/ tra le foglie/ “ (p.26)

All’interno di questa matrice di dolorosa sofferenza “il dolore è un buco che divora” si delinea, un’urgenza di positività. Una speranza di salvezza, una grazia riservata a chi saprà fuggire da se stesso e dalla propria chiusura. La ricerca di un “varco”, di un cedimento che mostri il lato segreto delle cose, che disponga alla “resistenza” (“resistere è il nuovo confine”, “resistere come la ginestra sotto/il peso franoso della luna”)  e permetta di intravedere una ”luce”, nuove vie tra gli alberi. Come scrive anche Franca Alaimo nella prefazione “Maria Allo offre, dunque, se stessa come un territorio devastato che tuttavia è chiamato dalla poesia a far fiorire luce nel buio, consolazione dallo sconforto”.
E tra i versi della raccolta si fanno strada radici pronte a germogliare “in chi ha visto tutto”:

”Cercare (…) / in ogni fenditura o in una pagina vuota/ quando da una gioia nasce sulle gote/ una piega musicale da assaporare” (p.31)

“e anche se gli occhi non riescono a vedere/ una feritoia di luce schiude un volto/ prima della parola a metà strada” (p.27)

“i frammenti su cui costruire un riparo richiedono un inizio e la pietà aleggia velata di premonizioni” (p.39). 

Si tratta di istantanee illuminazioni che possono essere indagate solo attraverso la ragione, lì dove il senso di compassione e di consapevolezza spingono da un lato alla partecipazione, dall’altro alla condivisione. Ed ecco allora l’affacciarsi e il bisogno di parole nuove (“ci vorrebbe una parola nuova/ per le fragilità umane” , “versi che imparano/ a reggere il risveglio di una luce nuova), per dare voce a quell’ “io” profondo che come un fiume sotterraneo scorre dentro di noi, con i suoi bisogni e le sue urgenze. Parole orientate verso l’accoglimento di sé, dell’altro, della memoria e del mistero in cui ogni essere umano può riconoscere l’eco di sé ed identificarsi:

“Anche nella devastazione germoglia la forza/ se umana la compassione urge e ti rincorre/ se dalla bocca fruttifera la grazia/ Vedi anche i piccoli virgulti fluttuano/ nel sottobosco degli inverni senza fine/ ma il suono brizzolante di rugiada/ risveglia l’alba con la trasparenza del girasole/ che straripa nella luce di settembre/ Staccarsi da tutto per accostarsi al tutto/ forse il segreto più grande per custodire/ la vita che indomita ci appartiene” (p. 45).

Sul margine

Si squarcia sulla bocca
il nome che ci detiene
Solo in un punto bianco
si assottiglia la distanza
laggiù alle soglie di ciò
che si dissolve
più in là dentro uno squarcio
che rinnega la luce
scorgi ossa incise nella nebbia
quel rin-tocco mai spento
il pulsare intatto di chi
nasce al suo vedere
come in cerchi larghi ai suoni
di una tempesta un ritmo di dettagli
sciama veloce contro la tua porta

(Maria Allo)


Una recensione di Maria Pina Ciancio



Recensioni ed articoli relativi a Maria Allo

(0) Sul margine di Maria Allo - RECENSIONE

Testi di Maria Allo pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Recensioni ed articoli relativi a Maria Allo

(0) Sul margine di Maria Allo - RECENSIONE

Recensioni ed articoli relativi a Maria Pina Ciancio

(0) La ragazza con la valigia di Maria Pina Ciancio - RECENSIONE

Altre recensioni di Maria Pina Ciancio

(1) Il leggero transito delle parole di Griselda Doka - RECENSIONE
(2) Prove per atto unico di Maria Benedetta Cerro - RECENSIONE
(3) Fenomenologia del silenzio di Anna Rita Merico - RECENSIONE
(4) L’intero senso di Rossella Tempesta - RECENSIONE
(5) Itinerario della mente verso Thomas Bernhard di Martino Ciano - RECENSIONE
(6) La cura degli assenti di Margherita Rimi - RECENSIONE
(7) Poesie novissime di Francisco Soriano - RECENSIONE
(8) Luoghi sospesi di Anna Maria Ferramosca - RECENSIONE
(9) Fratture da comporre di Antonio Spagnuolo - RECENSIONE
(10) Per filo e per segno di Elina Miticocchio - RECENSIONE
>>Continua (click here)

Altre recensioni:




-

dal 2023-09-17
VISITE: 905


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2016 - Privacy & Trattamento dati personali