Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Pagina ufficiale Facebook Pagina ufficiale Youtube Pagina ufficiale Instagram Pagina ufficiale Linkedin Gruppo Telegram Whatsapp Community
TeleScrivente:    Progetto Babele: Collaboratori cercasi! (21/05/2024)    Gordiano Lupi recensisce: Per difendersi dagli scorpioni di Fernando Sorrentino (29/09/2023)    31 amici per un progetto corale (17/09/2023)    [24/06/2024] 4 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Il Premio Città di Como scadenza 2024-06-30    Seven Live 2024 scadenza 2024-06-30    V EDIZIONE PREMIO LETTERARIO TERESA COGNETTA scadenza 2024-07-03    V ED. PREMIO TERESA COGNETTA scadenza 2024-07-03    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    Comfort Festival - Ferrara diventa americana (EVENTO 2024-07-07)     ATTRAVERSAMENTI MULTIPLI 2024 - danza_teatro_musica_site specific_nella natura urbana (SPETTACOLO_TEATRALE 2024-06-29)    AUDIOLIBRI     I decapitati di Francesco Ciriòlo letto da Alessandro Corsi     Il profumo dell'estate di Cinzia Baldini letto da Alessandro Corsi     Capitolo 6 - La perla di Labuan di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 5 - Fuga e Delirio di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 4 - Tigri e leopardi di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI     Billy Summer di Stephen King    Il nome di Abel di Andrea Meli     Praga poesia che scompare di Milan Kundera     Gli ultimi eroi di Guido Morselli     Poscienza di Roberto Maggiani    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Uno sguardo all’Open studio presso la Casa degli Artisti di Milano di Cecilia Del Gatto Di Riccardo Renzi     Vampiri: una storia senza fine     I memorialisti e gli storici del Romanticismo italiano     Carmilla     John Polidori & George Gordon Byron - Biografie allo specchio    Racconti     Mia moglie ti dirà che è tutta colpa della pandemia di Giuseppe Crispino     La luna blu di Alessandro Abate     I decapitati di Francesco Ciriòlo     Sara y la Facultad di Jorge edgardo López     L'intervista di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Shakespeare, William (1564-1616)     Le Fanu, Joseph Sheridan (1814-1873)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     In punta di piedi di Paola Ceccotti     Lux di Alessio Romanini     Respiro di Valeria Vecchi     Stanno le cose di Teodoro De Cesare     Madre di Davide Stocovaz    Cinema     Dracula di Bram Stoker (USA 1992) regia di Francis Ford Coppola     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana    Musica    I Inside The Old Year Dying (2023) - PJ Harvey    La moglie in bianco … la Compilation al pepe (2023) - Diego Pavesi     RökFlöte (2023) - Jethro Tull    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Bookshop
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
15 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
3eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
18novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Luoghi sospesi
di Anna Maria Ferramosca
Pubblicato su SITO


Anno 2023- Puntoacapo
Prezzo € 15- 104pp.
ISBN 9788866793823

Una recensione di Maria Pina Ciancio
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 322
Media 79.84%



 Luoghi sospesi

Recitativo in cinque stanze

Se mi abbracci una sola volta
la guerra scompare
(A. M. Ferramosca)

Viviamo ogni giorno di luoghi e di tempi sospesi, mutevoli, cangianti e che ci sopravvivono e che senza il nostro sguardo non esisterebbero e senza quello della scrittura svanirebbero, dissolvendosi nel nulla. In questo ultimo libro “Luoghi sospesi” (Recitativo in cinque stanze), Anna Maria Ferramosca traccia una mappa di quei luoghi sospesi, vicini e lontani, del presente e del passato, che interagiscono tra loro nutrendosi di libertà e di silenzio. Sono luoghi impalpabili e fragili, dalla consistenza eterea, così come lo è la vita e ci insegnano l’ascolto e la pazienza.  E dentro questi luoghi ci siamo noi, con le nostre vite (vissute o non vissute), isole tra parentesi, precarie ed imperfette.

“Luoghi sospesi” è una raccolta poliedrica, come poliedrica è la vita. Un libro fortemente polisemico, che si nutre di un humus ricco e profondo in cui ci sono semi, germogli, gemme, innesti, ramificazioni protese all’ascolto. Si avverte da un lato lo sguardo introspettivo rivolto a sé e alla quotidianità, dall’altro un occhio analitico che scruta e che si allunga oltre la finestra, in un’ispirazione variegata e cosmica che si spinge al di là di ogni orizzonte visibile, sconfina in spazi lontani e siderali e abbraccia il tutto che ci circonda.

Tanti sono i riferimenti ai sistemi astronomici e numerosi sono anche gli spunti di riflessioni cosmiche (di leopardiana memoria) “terra mia terra circolare/ vecchia ruota obbediente all’innesco primordiale/ magnifica sfera votata all’attrazione/ tu che sopporti dell’umano ogni gravità” (p. 37), che attribuiscono alla sua poesia una valenza metafisica e “cosmica”. La scrittrice infatti ha bisogno di sentire il respiro profondo del mondo, di ragionare sul senso del nostro esserci (piccole, infinitesimali “molecole”) attraverso un pensiero ampio e articolato che il più delle volte non dà risposte, ma si costruisce su interrogativi e dubbi. Una poesia meditativa, dunque, mai banale, che usa una leggera ironia per smontare ciò che vediamo, l'atto stesso del vedere e del sentire, spiazzando e depistando.

Le tematiche dei suoi versi corrono lungo l’alfabeto della solitudine, della finzione e dell’imperfezione e si aprono a ventaglio su infinite possibilità: un ritorno all’utero (a una voce embrionale), la ricerca di una forma di condivisione (d’amore? di scrittura?) “scrivo perché resti dell’umano /almeno un seme” (p.59). E' una poesia la sua, che ci guida alla ricerca dell’essere umano nella sua più completa imperfezione e che raggiunge la saggezza nell’accettare questa sua condizione non con fatalità, ma con consapevolezza e rispetto verso la propria identità “l’infinito accoglie te come/ il tutto e insieme il nulla/ dunque non farti inutili domande” (p.37) e con slancio vitale  “fuori dalla finestra/ piovono segni   gli stessi che incontravo/ lungo l’infanzia    tremando/ e imparavo/ nomi come   terra   confini   altrove// sentivo d’essere anch’io sconfinata/ altissima/ assetata di luce (p.91).

Lo stile è sempre personale e attento al dettaglio, sospeso tra ricerca poetica e riflessione filosofica, E anche la selezione del lessico che si apre al colloquiale, non è mai né scontato nè casuale. Ne emerge una singolare e raffinata composizione poetica costellata di domande ‘ininterrotte’, interrogativi aperti che non hanno una risposta o risposte che rimandano ad altre domande, "in ogni possibile risposta –infatti- dovrebbe esserci un'altra domanda" afferma la poetessa polacca Wisława Szymborska, perché l’etica del dubbio è qualcosa di irrinunciabile per chi vuole attraversare con consapevolezza e rivelazione la propria vita.

Sentiamoci in cerchio
-  uso esortativo plurale per con-solazione   -
tocchiamo la magnifica interazione

si animano le parole
sì    davvero creano anima
quando siamo      dico siamo      insieme
insieme anche nel perdere
ché se solo uno perde
perdiamo tutti     ma
sarà come vincere

(Anna Maria Ferramosca, p.79)


Una recensione di Maria Pina Ciancio



Recensioni ed articoli relativi a Anna Maria Ferramosca

(0) Luoghi sospesi di Anna Maria Ferramosca - RECENSIONE

Recensioni ed articoli relativi a Anna Maria Ferramosca

(0) Luoghi sospesi di Anna Maria Ferramosca - RECENSIONE

Recensioni ed articoli relativi a Maria Pina Ciancio

(0) La ragazza con la valigia di Maria Pina Ciancio - RECENSIONE

Altre recensioni di Maria Pina Ciancio

(1) Il leggero transito delle parole di Griselda Doka - RECENSIONE
(2) Prove per atto unico di Maria Benedetta Cerro - RECENSIONE
(3) Fenomenologia del silenzio di Anna Rita Merico - RECENSIONE
(4) L’intero senso di Rossella Tempesta - RECENSIONE
(5) Itinerario della mente verso Thomas Bernhard di Martino Ciano - RECENSIONE
(6) Sul margine di Maria Allo - RECENSIONE
(7) La cura degli assenti di Margherita Rimi - RECENSIONE
(8) Poesie novissime di Francisco Soriano - RECENSIONE
(9) Fratture da comporre di Antonio Spagnuolo - RECENSIONE
(10) Per filo e per segno di Elina Miticocchio - RECENSIONE
>>Continua (click here)

Altre recensioni:




-

dal 2023-06-29
VISITE: 773


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2016 - Privacy & Trattamento dati personali